Utente 138XXX
Buonasera dottor Piana,
Torno a disturbarla per lo stesso problema di un anno fa, non ancora risolto che sta condizionando pesantemente la mia vita ..ossia peso vescicale, bruciori uretrali, spille uretrali specie in piedi , urgenza anche per poca pipi e paura di perdere urine. .ho fatto eco renale e vescicale, tamponi vaginali e uretrali, cistoscopia, diretta renale..tutto ok. Sono ancora in attesa di urodinamica che l"anno scorso mi fu disdetta alla fine..all'ultimo esamd urine di aprile risultava 600.000 di klebsiella, curata con ciproxin...settimana scorsa ero in vacanza e ho dovuto prendere il monuril per urina torbida, bruciore forte, cattivo odore.
Avevo il ciclo. ..ad oggi ho ancora forte bruciore r spillo quasi costante che provo ad alleviare con ditropan. Prendo Ialuril soft da più di due mesi, cistiquer e dmannosio e nulla sembra fare effetto se non in modo blando e per poco tempo. . Tramite mia

cognata che soffre di c.i. ho preso
appuntamento al San Carlo a Roma dove il 14/8 farò urodinamica e il 4/9
ripeterò cistoscopia, in quanto il dottore che mi ha preso in cura dice che la precedente non ha studiato bene la vescica..io ricordo che il dottore che me la fece all'epoca disse che la vescica stava bene...l'urologo dj adesso visitandomi ha detto che la mia vescica è infiammata e bisogna capire il perché di queste cistiti..sono nel panico. .cosa ho? C.i. anche io? Grazie dottore

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Poco si può dire prima di aver completato gli accertamenti, che sono in programma. Ci chiediamo ovviamente come sia la sua funzione intestinale, poiché buona parte dei disturbi delle basse vie urinarie nella donna in età fertile è più o meno direttamente collegata all'intestino ed a suoi eventuali disturbi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 138XXX

Buonasera dottor Piana! La ringrazio per la gentile risposta che attendevo...la mia funzione intestinale è regolare ne senso che tutti i giorni vado in bagno..salvo però soffrire di una terribile colite con dolori, gonfiori, a volte diarrea da quando sono bambina...Prendo da anni fermenti lattici probiotici...tra l'altro ho dovuto rimandare l'urodinamica programmata per oggi in quanto, affetta da bruciore, difficoltà ad urinare e cattivo odore delle urine persistente, malgrado il monuril preso 14 giorni fa, ho effettuato di mia iniziativa l'esame urine con antibiogramma che riporta: colore giallo paglia-aspetto torbido-densità 1019-Ph 6.5-proteine tracce minime - glucosio, chetoni, pigmenti biliari, emoglobina assenti nitriti presentie- esterasi leucocitaria 125 cells/uL (valori normali da da 0 a 15) urobilina normale- Leucociti alcuni (59p/uL) Val. Di rif 0-9 Eritrociti rari (7p/ul) Val rif.0-5. cellule epiteliali nella norma. Miceti assenti Batteriuria abbondante (2167 p/il) commento: alcuni leucociti in citolisi, presenza abbondante di flora batterica, presenza di mucopus, alcuni cristalli di ossalato di calcio. Germe isolato: escherichia coli. Conta colonie: 800.000. Inviate le analisi all'urologo, mi ha detto di rimandare l'esame e di prendere ciproxin (ovviamente tra gli antibiotici selezionati) da 500, due al di per 7 giorni, 6 d-mannosio al giorno e tanta ac3....a due giorni dall'inizio, sento ancora bruciore..mentre il cattivo odore non c'è piu'..la mia domanda: siccome il 4/9 ho la cistoscopia e il 20/9 mi hanno spostato l'urodinamica, è il caso di ripetere le analisi? Il mio urologo non me lo ha detto...Non vorrei fare danni peggiori, facendomi inserire un catetere in una vescica infetta..
Sono disperata dottore..il germe cambia, ad aprile era Klebsiella, ora escherichia, ma i miei fastidi restano uguali, ormai da un anno...in attesa di una sua risposta, grazie mille dottore e buon ferragosto!

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il problema sta essenzialmnte nella sua colite ed è qui che bisogna concentrare le attenzioni, forse anche più dell'aspetto urologico che ci riguarda. Per quanto riguarda l'esecuzione degli esami, forse sarebbe il caso di farlo precedere da alcuni giorni dello stesso antibiotico che ha assunto ultimamente. Chieda comunque conferma a chi dovrà eseguire l'esame.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 138XXX

Grazie mille della celerità caro dottore, quindi prenderò per sicurezza un paio di giorni prima l' antibiotico per sicurezza, senza ripetere analisi, o comunque chiederò prima, poi, nella speranza che non esca nulla di grave negli esami che devo fare (ripeto, i controlli fatti anno scorso erano negativi di tutto fortunatamente, eco vescica, tamponi e cistoscopia..) mi concentrero' sicuramente sul problema colon, che è la mia croce da tanti anni e che purtroppo l'uso, a volte necessario, degli antibiotici, non aiuta a risolvere...grazie infinite per la sua pazienza e le sue risposte dottore! buona serata!

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Infatti in una situazione come la sua la prescrizione di antibiotici è una decisione piuttosto delicata che deve essere sempre improntata alla massima parsimonia, a costo di effetti collaterali controproducenti. E' per questo motivo che bisogna cercare di rompere il circolo vizioso dal lato intestinale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 138XXX

Grazie ancora dottore, la terrò aggiornata, sperando di risolvere....Buon ferragosto

[#7] dopo  
Utente 138XXX

Scusi dottore un'ultima domanda, poi non la disturbero' fino ad aggiornamenti..ma è normale avere a giorni alterni, bruciore al settimo antibiotico preso, quindi a metà cura? Ieri avevo poco bruciore, oggi è iniziato con la prima minzione della giornata e continua ancora, dandomi molto fastidio a camminare, lo sento anche da seduta, come prima di iniziare terapia...può dipendere da ciò che mangio? Le spiego: sto già evitando cibi acidi, pomodori ( che adoro..), pesche, albicocche, troppi caffè..sto cercando di bere di più (facendo pipì tanto spesso, visto che tra bruciore e acqua sono continuamente sollecitata..) ieri sera ho mangiato pizza margherita...mi è capitato anche l'altro giorno, dopo la pizza...può essere il pomodoro sopra? O il colon, che oggi sento particolarmente gonfio d'aria? Sto anche evitando rapporti con mio marito, per non infiammare..ma quando sto così, mi sembra sia tutto inutile...attendo un suo gentile parere...un saluto

[#8] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Le attenzioni alla dieta sono magari più utili per l'intestino, per la vescica tutto è molto più relativo, tranne l'eccesso di caffè ovviamente. Se la pizza porta gonfiore è perché la pasta è mal lievitata e continua a fermentare nella pancia ... Cambi pizzaiolo e non pensi ai pomidoro!
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#9] dopo  
Utente 138XXX

Ok dottore!! Ma allora qualche pomodoro...me lo concedo, tanto vedo che poco cambia nei miei fastidi non mangiandoli!!! I giorni in cui sto parecchio male, sto male e basta!! Un saluto a presto!

[#10] dopo  
Utente 138XXX

Dottore mi scusi, ma è normale accusare ancora bruciore e fastidi tra cui spillo uretrale, pipì frequente, anche se limpida e senza cattivo odore (solo verso la fine me ne esce sempre ancora un po', come se non vuotassi subito tutta la vescica) peso sulla vescica, ad un giorno dalla fine della cura? Questo fastidio del bruciore alcuni giorni è costante, altri no..ma lo spillo in uretra, con tremolio è quasi costante da un anno...io sono ansiosa, e quello non aiuta...Ma che si siano cronicizzati i sintomi? Grazie

[#11] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Non c'è molto di più che le si possa dire a distanza, la situazione deve essere presa in carico e portata avanti da un nostro Collega che la possa valutare direttamente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#12] dopo  
Utente 138XXX

Non vedo l'ora di effettuare questi altri esami, l'ansia mi sta divorando...sperando che non succeda altro che mi faccia rinviare...un saluto

[#13] dopo  
Utente 138XXX

Buonasera dott.Piana, scusi se la disturbo nuovamente, ma dopo soli due giorni di bruciore leggermente attenuato, oggi è ricomparso con la prima urina del mattino e non se ne è ancora andato...ho smesso l'antibiotico sabato sera...ad ora ho già bevuto oltre un litro di acqua ed urinato molto (mentre ieri poco pur bevendo..) urina finora che non mi desta preoccupazioni, perchè non è torbida nè maleodorante...siccome lei mi ha detto di controllare l'intestino (cosa che farò..) ho dimenticato di dirle che dalla prima gravidanza soffro di emorroidi ormai prolassate e occasionalmente ragadi, ho letto proprio su un blog di medicitalia, da parte del prof. Lucchese che spesso le emorroidi sono la causa delle cistiti! Lei concorda? Come mai pur avendole da quasi 16 anni, prima non mi è capitato di avere così tante cistiti (solo due in anni lontani) ed ora mi tormentano? grazie se mi dirà la sua gradita opinione

[#14] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Certo, le emorroidi e le altre patologie ano-rettali (ragadi, fistole, ecc.) le comprendiamo nella malfunzione intestinale, che è causa di alterazione della flora batterica locale e quindi facilita l'insorgenza di onfezioni delle basse vie urinarie.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#15] dopo  
Utente 138XXX

Grazie infinite per la pazienza dottore!!! Noi "malate di cistite" siamo da comprendere...Le auguro una buonissima giornata!

[#16] dopo  
Utente 138XXX

Buonasera dottor Piana,
torno a farmi sentire dopo quasi tre mesi per aggiornarla ed avere anche da lei rassicurazioni in merito.
Ho effettuato una nuova cistoscopia, da cui è emersa:
- leucoplachia, ampia area in zona centrale del trigono,
introduzione : agevole camicia 17 con ottica 70"
uretra, collo, base, cupola, tutto normale, assenza di neoformazioni.
Ho effettuato anche l'urodinamica, che riporta:
- vescica stabile con aumentata sensibilità propriocettiva, ridotta capacità e normale compliance. No fughe di urina con manovre provocative. La fase minzionale mostra un quadro di tipo polifasico con indici flussometrici adeguati in presenza di alti valori pressori detrusoriali. no residui di urina.Si segnala After -contraction.
Le spiego che ho effettuato l'esame urodinamico con un'ansia inverosimile, in condizioni normali, malgrado il fastidio, "reggo sicuramente più urina". Ho iniziato precocemente a sentire lo stimolo, ho vuotato la vescica ad una quantità di 238 ml, ma ripeto, a casa sarebbero stati minimo 350!! L'urologo che mi ha effettuato l'esame ha detto che sia esame urodinamico che flussimetria, che cistoscopia per lui sono a posto, la leucoplachia significa poco o niente e alla mia richiesta se il colon infiammato possa avere ripercussioni sulla vescica, mi ha detto: le pare possibile allora che tutte le persone che hanno la colite possano avere la cistite? Mi ha detto di curare l'ansia perchè il mio problema è quello, il quale mi porta ad avere quasi una vescica iperattiva (certo che le mie piccole e grandi UTI di questo ultimo anno non sono frutto della mia mente!! L'ultima infezione risale ad agosto con 800,000 di e.coli e mucopus!! Precedentemente ad aprile 600.000 di klebsiella!! per non parlare poi che in questo ultimo anno le mie urine non sono state mai pulite, ho sempre avuto piccole infezioni ad ogni urinocultura: 15.000 di e.coli, 40.000 di e.coli, 60.000 di e.coli...) e mi ha segnato betmiga, da fare per un mese, poi di fargli avere notizie, perchè nel caso non fossi migliorata con la cura per l'ansia e il betmiga avrebbe voluto vedere meglio lui la mia infiammazione (parla della leucoplachia che ha sottovalutato?mi sembra una contraddizione.... )Io ho sentito il mio urologo personale, il quale mi ha detto invece che per lui il problema potrebbe essere la leucoplachia, segno delle pregresse infezioni, che ad alcune persone porta questo fastidio...e di curare il colon...sono stata dal gastroenterologo che mi ha prescritto per un mese (quasi terminata..) il debridat 150 mattina e pranzo e lexil la sera...questo mese è andata meglio...anche se dei giorni ho comunque bruciore e fastidio nel camminare e più urgenza di altri...Non ho ancora preso il betmiga...in questo mese ho voluto vedere come andava, quasi per convincermi che il problema sia nella mia testa e basta!!! Con quale dei due suoi colleghi concorda lei? Le ricordo che sto prendendo ialuril soft gels, cistiquer e d-mannosio per prevenzione. Mi scuso per il papiro e la ringrazio se avrà la pazienza di leggere tutto e di darmi una sua graditissima opinione...

[#17] dopo  
Utente 138XXX

Mi scusi dottore ho dimenticato di dirle che in questo mese, pur avendo meno fastidi (si sono riaccentuati in questi giorni...), causa sicuramente forte stress, lavorativo-famigliare, ho avuto un paio di episodi di diarrea (tipici della mia colite...) e malgrado la terapia.. che gli stessi possano aver riaccentuato il problema? Grazie di nuovo!

[#18] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
... le pare possibile allora che tutte le persone che hanno la colite possano avere la cistite? ...

Su questa asserzione ci permettiamo di dissentire, comunque rispettiamo l'opinione del Collega che l'ha espressa.

La leucoplachia del trigono è prlopiù collegata con una diversa sensibilità della vescica agli ormoni femminili, in particolareal progesterone, in ogni caso non è direttamente correlata alla presenza di sintomi ed altrettanto non predispone particolarmente allo sviluppo di cistiti batteriche.
Gli acertamenti effettuati hanno quindi escluso la presenza di rilevanti alterazioni anatomiche e funzionali. La sua situazione pare dunque dominata da una predisposizione soggettiva a sviluppare infezioni da batteri intestinali ed i suoi disturbi sono senz'altro amplificati da condizioni psico-somatiche e d emotive. Diremmo che le terapie in atto siano pienamente a congrue ad arginare la situazione, in particolare dal punto di vista gastroenterologico, per noi senz'altro molto rilevante.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#19] dopo  
Utente 138XXX

Buongiorno dottore e grazie mille per la sua risposta!
Sì, fortunatamente le cause più spaventose sono state escluse, il centro presso il quale mi sono recata a Roma è proprio specializzato in casi di C.I. che era il mio più grande terrore...il dottore ha escluso questa possibilità, perchè non ce ne sono i presupposti, soffro di uti ricorrenti, che sono fastidiose, ma sicuramente meno gravi di C.i....Almeno a quanto mi ha detto finora (il dubbio da buona ansiosa insidia sempre la mia testa, che mi dice: e se gli sta sfuggendo qualcosa? e se non hanno esplorato bene tutto??).. Comunque caro dottore, ancora qualche domanda: ho quasi terminato la cura per la colite, lei pensa che nel mio caso sarebbe bene fare dei cicli? Per quel che riguarda il Betmiga, lei mi consiglia di assumerlo? Un caro saluto e buona giornata

[#20] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'efficacia del mirabegron è molto variabile ed imprevedibile. È un farmaco sintomatico e quindi non curativo a lungo termine. Se le dà vantaggio continui pure ad assumerlo, altrimenti sono soldi sprecati. La terapia gastroenterologica non è di nostra competenza, si tenga comunque in contatto con il nostro Collega.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#21] dopo  
Utente 138XXX

Grazie dottor Piana!!
No, il mirabregon non l'ho ancora assunto, pur avendolo comprato, non essendo mutuabile, ad una cifra esorbitante...la mia problematica è se assumerlo...Visto che il mio fastidio peggiore è il bruciore (giorni sì, giorni no...) in quanto all'urgenza, essa si riduce se bevo meno (cosa che cerco di non fare...) le volte che vado in bagno sono variabili, dalle 5 alle 7 in media, a volte 8 o 9, appunto se ho bevuto qualcosa di molto diuretico o se sono in ansia...Grazie e buona giornata!!!

[#22] dopo  
Utente 138XXX

Scusi ma non avevo terminato il mio dubbio: ossia l'efficacia del betmiga sul bruciorino che sento...lei pensa che sia bene che faccia comunque la prova? Mi fido molto del suo parere!! Grazie ancora

[#23] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il mirabegron può agire solo sulla percezione dello stimolo, non sull’irritazione.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#24] dopo  
Utente 138XXX

Grazie mille dottore!! Allora comincerò ad usarlo se ne sentissi davvero l'esigenza! Anche per non buttare tutti i soldi che è costato! Il mio è diventato quasi un bruciorino cronico...spero che prima o poi...passi!!!
Le auguro un buon fine settimana!