Utente 504XXX
Buongiorno scrivo di nuovo sono un ragazzo di trent’anni L anno scorso nell luglio 2017 mi venne diagnosticata una prostatite con successive sperimiocoltura e urinocoltura entrambe negative tutto passo con ciclo di bactrim e piginil nel luglio 2018 i sintomi si sono ripresentati l’urologo mi prescrisse ciproxin piu piginil i dolori sono un po’ passati ma non del tutto durante L attività sessuale non ho difficoltà non urino con difficoltà e non frequente avevo delle piccole perdite di urina anche queste passate ma il sintomo di dolore perineale e all ano come se avessi un oggetto all interno continua in questo ultimo periodo soffro di una forte stitichezza e sforzo moltissimo potrebbe essere L causa di questo dolore che mi provoca anche delle difficolta a sedermi per lunghi periodi?e se la stitichezza può essere caduta degli antibiotici presi?grazie

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

certamente la stitichezza e le alterazioni dell’alvo possono essere causate dall’assunzione di un’antibioticoterapia ma tutti gli altri sintomi devono ora essere valutati in diretta da esperto e bravo urologo od andrologo.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 504XXX

Le pensa sempre su una supposizione sua che questi sintomi in atto siano dovuti sempre alla prostatite?

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non posso, almeno dalla mia attuale postazione, escludere in modo categorico questa sua ipotesi di causa.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 504XXX

Dottore ultimo consiglio dato che vado in vacanza con la mia ragazza secondo lei posso un po’ straviziare sempre nella giusta maniera con cibo è un po’ di vino dato che sono a dieta ferrea da quando ho questa prostatite oppure potrei peggiorare le cose?

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non esageri mai e si ricordi che, quando sono presenti queste "problematiche andro-urologiche”, possono essere utili alcune indicazioni anche di tipo dietetico-comportamentale quali:

1) vita sessuale regolare, non lunghi periodi di astinenza;

2) limitare l'assunzione di alcuni alimenti tipo cioccolato, uova, frutta secca, formaggi stagionati, ecc;

3) lo stesso vale per le bevande come il caffé, il tè,le bibite gassate od alcoliche;

4) altra cosa importante è bere con intelligenza ad esempio durante tutto l'arco della giornata sono consigliati almeno 2–3 litri di liquidi, soprattutto acqua (se non esistono altre controindicazioni di ordine generale), smettendo però di bere almeno tre-quattro ore prima di andare a letto;

5) combattere la stitichezza quindi fare una dieta ricca di fibre e praticare una regolare attività fisica;

6) se si fuma, spegnere la sigaretta perchè la nicotina ha un'azione irritante sulla vescica;

7) infine ultimo consiglio, ma non meno importante, quello di ascoltare sempre attentamente il proprio medico di famiglia e lo specialista urologo che la stanno seguendo.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com