Utente 370XXX
Salve, sono un ragazzo di 30 anni 170x60. Ho da un periodo abbastanza lungo ormai il sospetto di avere una prostatite. In particolare penso di avere una prostatite abatterica perchè in passato ho avuto dei sintomi che facevano pensare ad una prostatite batterica e fondamentalmente non ho mai fatto realmente nulla per curarla, anche perchè gli l'urologo pensava che vista la mia età l'esame del PSA fosse superfluo.
Siccome ad oggi io ho dei sintomi che fanno pensare ad una prostatite quali pesantezza allo scroto (in particolare quando sto seduto), urino veramente con molta frequenza e spesso ho la sensazione di non svuotare del tutto ed inoltre vado ad urinare anche se sorseggio due gocce d'acqua. Inoltre passa pochissimo tempo tra una minzione e l'altra. Ho anche problemi nella sfera sessuale che non sto qui ad elencare ma che mi sembra di aver capito sono spesso associati a prostatiti. Quello che io vorrei chiedervi è: per scongiurare il fatto di avere o meno una prostatite abatterica perchè magari si è cronicizzata non avendola curata in passato, che tipo di esami dovrei fare da portare poi all'urologo? Sono molto combattuto a riguardo perchè ho contattato vari urologi della mia città e mi è stato detto da uno di loro che l'esame del PSA libero e totale alla mia età non è indicativo in quanto viene usato come marker tumorale, un'altro mi ha detto di farlo insieme all'esame delle urine, un altro ancora mi ha detto di eseguire solo spermiocoltura e urincoltura (tra l'altro qualora fosse abatterica lo spermiocoltura potrebbe risultare comunque negativo no)? Insomma mi sono confuso ulterioremente con questi pareri discordanti. L'esame del PSA potrebbe servivere (sia libero che totale) per evidenzare una possibile prostatite batterica o abatterica? Poi forma acuta o altro non so.. potreste per favore aiutarmi a capire che tipo di esami fare perchè i sintomi li ho tutti e ormai si tratta di anni sinceramente non voglio starmene con le mani in mano o fare esami che poi non servono realmente, io pensavo dovessi fare il PSA ma adesso con questi pareri discordanti sono più confuso che altro. Grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

lasci perdere il PSA che, come indicato dal suo urologo di riferimento, non ci permette di fare alcuna diagnosi precisa di prostatite.

Ecografia delle vie uro-seminali, prostata compresa e valutazioni colturale con eventuale antibiogramma invece possono essere utili ma qui senta o risenta sempre in diretta il suo andrologo od urologo di fiducia.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com