Utente 506XXX
Ho da circa quattro giorni un fastidio nella zona dietro i testicoli ma non ho problemi ad urinare. No dolore tatto nè ai testicoli o masse.
Mi è già capitato diverse la stessa cosa diverse volte nell'ultimo anno e sono già stato dall'urologo ma non ha trovato mai assolutamente nulla (solo una volta fu trovata una flogosi della prostata). Questo fastidio durava tipo dieci giorni.
Spesso questo fastidio mi viene se mi masturbo troppo energicamente o a distanza di 5-6 ore: può essere legato?
Va detto che assumo sertralina per l'ansia, farmaco che rende l'erezione spesso non per nulla facile..

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Se il disturbo è evocato dall'attività sessuale, quasi certamente la causa risiede nella prostata o nella muscolatura del pavimento pelvico. In queste situazioni non vi è da stupirsi se alla visita diretta non si coglie nulla di alterato in modo significativo. Sarebbe opprortuna una buona valutazione specialsititca uro-andrologica, dove si potrà definire meglio la diagnosi ed impostare una eventuale terapia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 506XXX

Si ma ho fatto visite approfondite di carattere urologico da specialisti affermati (ben tre!) e hanno tutti liquidato la cosa dicendo che non avevo nulla dandomi TUTTI un integratore.
Il fastidio è sempre lo stesso: pesantezza-congestione testicoli-inguine senza nessun altro genere di sintomo percepibile.
Solo una volta trovò una flogosi della prostata e mi diede un antibiotico attribuendolo ad un virus intestinale. Ho fatto qualunque genere di esame ecografico..testicoli, prostata, vesciva...
L'ultimo mi ha voluto fare pure l'ecografia transrettale per scrupolo! Cosa ridicola a 28 anni...
L'unico esame che non ho fatto (e non me lo vollero far fare) sarebbe l'urinocoltura e\o lo spermiogramma. Ma ha senso? Il medico di famiglia non crede che sia un'infezione perchè non ho problemi durante la minzione o dolore durante l'eiaculazione. Non ho problemi intestinali..
Non avevo collegato in realtà le eiaculazioni perchè mi sembrava strano che fosse quella la causa a distanza di 6-7 giorni di distanza. Non credo che un orgasmo, sia pure a distanza di 3-4 ore, sia un trauma. anche se la setralina mi ha diminuito la libido (ma lo sapevo).
E' un fastidio che avevo anche durante gli esami e dura per diversi giorni, anche di astinenza!
Se lei ha qualche altra idea di esame che possa fare.. va detto che prendo la setralina per tensione muscolare e somatizzazioni.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il suo parrebbe dunque un quadro tipico di sindrome dolorosa cronica del pavimento pelvico, in cui le alterazione organiche percepibili degli organi genito-urinari sono minime o assenti. Queste situazioni non si giovano della terapia tipica urologica e devono quindi essere affrontate come "dolore puro" da specialisti in terapia antalgica. Si utilizzano in genere aassociazioni di farmaci attivi sul sistema nervoso centrale, tra cui antidepressivi a basso dosaggio, come ad esempio quello che lei sta già assumendo per altri motivo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 506XXX

Ho capito grazie. Ho fatto l'ultimo controllo urologico a Novembre e tornarci con gli stessi sintomi sarebbe stato imbarazzante..
Ma per assurdo o per puro scrupolo..devo escludere che si tratti ad esempio di un'ernia?
Il fastidio-bruciore si concentra fra sopra il pube e sotto lo scroto, fra le gambe senza dimenticare la pesantezza testicolare.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Qualsiasi medico di medie capacità dovrebbe essere in grado di riconoscere un’ernia inguinale. Se questo non è avvenuto con la visita di vari specialisti, è molto improbabile che ci possa essere davvero.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 506XXX

Ok.