Utente 748XXX
Buongiorno,ho 47 anni e da circa 18 mesi soffro di prostatite e ritenzione urinaria cronica,è iniziato che andavo circa 20 volte al giorno,all'esordio del disturbo l'ecografia risultava una vescica da sforzo con pareti ispessite con ristagno minzionale di circa 250cc,mentre ora ho stimolo lieve nonostante la vescica è grande (700cc),risulta distesa con pareti di spessore borderline 3,1mm e profili netti,contenuto omogeneo anecogeno,prostata normale per morfologia dimensioni,struttura disomogenea in sede centrale per calcificazioni,presenza di urina nelle vescicole seminali,mentre dalla risonanza la prostata è 40x30x34 con presenza di piccolo adenoma bilobato che impronta il pavimento vescicale,volume di 24cc e risulta un mantello disomogeneo maggiormente evidente a livello medio-basale bilateramente, configurando un quadro infiammatorio,capsula prostatica conservata vescicole seminali distese.Da esami di laboratorio urine e sperma risulto positvo al Klebsiella oxytoca e Klebsiella pneumoniae ,terapia di ciproxin 1000 per 1 anno 1 mese si e uno no e omnic,serenoa .Ho il timore di avere il cancro alla vescica/prostata o che possa diventarlo se questo quadro infiammatorio perdura nel tempo e inoltre mi chiedo perchè all'esordio della malattia andavo a urinare circa 20 volte al giorno mentre adesso non sento quasi più lo stimolo a urinare e ci vado solo in senso meccanico cioè quanto sento fastidio alla pressione con la mano al basso ventre,(max 4 volte al giorno).
Volevo precisare che non ho subito nessun infortunio o incidente

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Non è mai stato dimostrato che una infiammazione aumenti il rischio di sviluppare un tumore della prostata. Inoltre, le prostatiti sono perlopiù acocmpagnate da disturbi intensi, mentre il tumore è tipicamente silent. Il suo probelma funzionale è invece certamente più degno di attenzione, perché questa perdita dello stimolo associata ad una distensione importante della vescica non può portare a nulla di buono se continua ad essere sottovalutata. Sarebbe senz'altro da eseguire una indagine urodinamica ed una valutazione endoscopica, prima di trarre delle conclusioni e proporle qualcosa di ragionevolmente risolutivo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 748XXX

Buongiorno e grazie per la risposta
ho fatto circa 7 mesi fa una cistouretrografia minzionale:
"l'uretra è pervia ,accenna a minima riduzione di calibro nel tratto prostatico con comparsa in fase ascendente di circoscritto infarcimento periprostatico".
Ho il timore di avere una vescica neurologica e non tornerà più come prima a causa dell'infezione,o peggio un tumore,per nulla di buono cosa intende?
è possibile che la vescica si sia sfiancata quando andavo urinare di frequente?
Cosa significa il termine:"presenza di piccolo adenoma bilobato che impronta il pavimento vescicale,volume di 24cc e risulta un mantello disomogeneo maggiormente evidente a livello medio-basale bilateramente",può essere questo la causa dei miei problemi?
Se cè un tumore sulla vescica con l'ecografia lo si avrebbe visto?
Che parere si è fatto?

grazie

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Coltivare i timori porta solo ansia e non fa arrivare ad alcun risultato concreto. Le abbiamo già evidenziato quale sia il percorso diagnostico minimo che noi immaginiamo e che è probabilmente condiviso dalla maggioranza degli specialisti. Il cosiddetto "adenoma" è l'espressione dell'ingrossamento fisiologico cui la prostata va incontro a partire dai 40 anni circa. Nel suo caso si tratta di una manifestazione iniziale, difficilmente correlabile al suo disturbo. Proprio per questo motivo, la sua situazione non può essere approcciata in modo empirica, ma un giudizio serio può essere solo espresso solo sulla scorta di accertamenti specisfici.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 748XXX

La ringrazio di nuovo per la pronta risposta,con le ecografia alla vescica se ci fosse un tumore si avrebbe visto?
Secondo la sua esperienza la mancanza di stimolo a urinare nonostante la vescica sia piena può essere una vescia neurologica?a quale patologie può essere correlabile?
La vescica può tornare come prima per quanto riguarda lo stimolo una volta capito quale procedura medica fare?

grazie

[#5] dopo  
Utente 748XXX

un altro dubbio: avendo fatto uso per molto tempo di ciproxin,e sono tuttora in terapia con omnic non è chela mancanza del stimolo sia causato appunto a questo uso prolungato di farmaci?

[#6] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Certamente n'è la tamsulosina nè la ciprofloxacina possono giustificare una atona vescicale. Se si tratta di vescica neurologica sarà appunto l'indagine urodinamica a dircelo. Ovviamente, fatta la diagnosi, si riuscirà molto probabilmente a trovare una soluzione.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente 748XXX

non mi ha risposto per quanto riguarda se con l'ecografia
che mi hanno fatto si vede un tumore alla vescica....grazie

[#8] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Certamente si può vedere. Diremmo che nel suo caso costituisca un timore infondato.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#9] dopo  
Utente 748XXX

Sono venuto a sapere che il ciproxin è un farmaco fluorochinolone e può portare a disturbi del disturbo nervoso tipo neuropatia periferica ad esempio disfunzioni vescicali e difficoltà di svuotamento della vescica,nel mio caso che l'ho usato per 1 anno: 1 mese si e 1 mese no,quindi 6 mesi in totale mi può aver soppresso lo stimolo a urinare,considerando pure che prendo continuamente omnic.
Sono passato da andare a urinare con stimolo circa 20 volte al giorno e man mano che facevo la terapia abbinata ciproxin e omnic ad andare 2o 3 volte al max senza stimolo in modo meccanico.
Che ne pensa?

[#10] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Si parla di rare e reversibili neuropatie periferiche di tipo motorio. Nella enorme esperienza che si ha con la somministrazione di questi farmaci per problemi urologici, non si ha memoria di effetti collaterali diretti sulla vescica, che possiamo pertanto ritenere eccezionali.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#11] dopo  
Utente 748XXX

grazie per la risposta ,se lo desidera la terrò informata nel tempo della mia situazione.


saluti

[#12] dopo  
Utente 748XXX

La continua e prolungata assunzione del farmaco "omnic" può essere una delle cause della assenza di stimolo a urinare?

[#13] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'efficacia di questo farmaco non supera le 24 ore, non vi è quindi motivo per pensare che porti a delle alterazioni stabili nel tempo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#14] dopo  
Utente 748XXX

lo sto prendendo sempre