Utente 486XXX
Buongiorno,
Sono andata da un urologo per problemi di incontinenza urinaria e ho scoperto di avere la vescica iperattiva(in effetti andavo in bagno molto spesso, anche ogni mezz'ora e bevevo molto). L'urologo mi ha detto di aspettare almeno mezz'ora quando ho lo stimolo e di bere meno. Ho seguito le sue indicazioni ma le perdite sono rimaste. Quindi vi chiedo, ogni quante ore bisognerebbe andare in bagno? Se ad esempio fosse ogni quattro ore e io aspettassi questo tempo, mi andrebbe via l'incontinenza? In più, l'urologo ha detto che se non mi dovessero andare via ci sarebbe un farmaco che potrei prendere, ma lo dovrei prendere per tutta la vita o solo finché non risolvo il problema?
Poi volevo chiedere, soffro di fobia sociale e quindi sperimento spesso ansia. Potrebbe essere collegato?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Quanto ci riferisce è molto sommario e ci impedisce di esprimre un giudizo. Cosa intende lei per incontinenza? Di quale entità solo le perdite? Deve utilizzare pannolini, quanti al giorno? La diagnosi di vescica iperattiva è stata basata sugli esiti di una indagine urodinamica? Ci faccia sapere, se lo desidera.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 486XXX

Grazie per la risposta.
Le perdite non sono di grave entità, uso un salvaslip al giorno. Si, ho fatto l'esame urodinamico

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Si tratta quindi di una incontinenza modestissima, condividiamo i dubbi del nostro Collega nel consigliarle un farmaco specifico (parasimpaticolo-litico) che oltre a d avere effetti collaterali è anche piutosto costoso perché in fascia C.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 486XXX

Quindi come posso fare a risolvere il problema? L'ansia potrebbe essere la causa?

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La componente ansiosa può essere sostanziale. La soluzione non la può certo trovare da una consulenza in rete, lo scopo di questo servizio di consulenza gratuito è unicamente informativo. Ovviamente deve essere seguita direttamente da un nostro Collega specialista in urologia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 486XXX

Si ha ragione, mi scusi.
Grazie ancora per il suo tempo