Utente 442XXX
Buongiorno, da qualche giorno ho un dolore al fianco destro... Mi spiego meglio... Il dolore è sull addome appena sotto alle costole e arriva fin dietro alla schiena, ma il tutto rimane circoscritto alla parte destra. Mi sono recata in ospedale dove mi hanno fatto test urine, eco fast, e esami del sangue. Nelle urine è presente del sangue mentre per quanto riguarda l'eco la dottoressa mi ha detto che all altezza della colecisti sono presenti fasci che potrebbere essere calcoli ma di fatto non mi hanno dato una diagnosi certa. Inoltre da quando sono stata in ospedale ho la febbre sempre 37.5/37.7....sto assumendo antibiotico ma io mi sento sempre più spossata, fiacca, stanca a volte ho brividi... Qualcuno puo aiutarmi?

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Evidentemente vi è necessità di qualche approfondimento, noi a distanza non possiamo dire quasi nulla. La presenza di tracce di sangue nelle urine potrebbe far convergere i sospetti più sul rene e le vie urinarie che sulla colecisti, ma comunque in modo molto vago. Riterremmo opportuno che lei si faccia comunque visitare con calma dal suo medico curante e si ripeta a breve termine una buona ecografia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 442XXX

Grazie mille della risposta... Ieri ho avuto un peggioramento e la febbre a 39.5. Sono in ospedale sotto osservazione

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il dubbio della pielonefrite si fa più consistente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 442XXX

Come nascono queste infezioni? Grazie mille

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
In genere le infezioni delle vie urinarie sono portate da germi residenti nel proprio intestino che per vari motivi diventano più aggressivi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 442XXX

Buongiorno, volevo aggiornare sulla mia situazione e avere un consiglio au come procedere... Dopo l aumento della temperatura sono rimasta ricoverata in ospedale una settimana per ureterite destra da e. Coli resistente a ciprofloxacina ed amoxicillina/acido clavulanico. Una volta dimessa ho continuato la cura di antibiotico cefixoral 400 per una settimana. Come da prassi dopo 20 giorni ho effettuato esami del sangue e delle urine e visita urologica con ecografia.... Tutto nella norma, anche se al momento della visita urologica di controllo feci presente al dottore che ogni tanto avevo leggeri fastidi ad entrambi i reni. Oggi a due mesi di ditanza dal mio ricovero presento dolori al fianco opposto, al sinistro.... Mi sono ripresentata in ospedale mi hanno fatto esami del sangue WBC 12.6,LYM 3.2 MID 1.2 GRA 8.1,RBC 4.08, hb 13.7,HTC 37%, MCV 91,MCH 33.8,MCHC 37.2,RDW 14.8,PLT 228,MPV 7.8 CREATININA 0.64,PCR 8.
e dopo ecografia... Non free fluid, idronefrosi 1 grado a sx urostick positivo per nitriti leucociti e sangue. Si imposta terapia antibiotica come da precedente abg nel sospetto di recidiva. Vorrei perfavore un vostro parere io non riesco a spiegarmi come sia possibile che sia tornato questo dolore e dall altra parte. Grazie mille in anticipo.

[#7]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Le recidive di pielonefrite non sono rare e possono avvenire anche nel rene controlaterale, se persiste la causa originante dei batteri, che abbiamo già detto essere inequivocabilmente l'intestino. Al momento non vi è altra soluzione che ripetere la terapia antibiotica, certo è che sarà opportuno valutare in futuro bene l'intestino, la sua funzione e la flora batterica residente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 442XXX

Buongiorno dottore... Grazie mille... Ho fatto un urinocultura per capire se fosse una recidiva per lo stesso batterio ma il risultato è differente. Ora risulta positivo a enterococcus faecium 100 000 cfu/Ml. A questo punto sia opportuna fare una valutazione all intestino? Grazie mille in anticipo

[#9]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Le urocolture positive per batteri Gram postivi, come l'enterococco, devono essere sempre interpretate in modo molto critico, in particolare è importante valutare la presenza di una quantità significativa di globuli bianchi nel sedimento urinario. E' infatti molto comune che questi batteri siano dei contaminanti esterrni del campione e non derivino direttamente dagli organi interni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing