Utente 523XXX
Salve,
Venerdì ho avuto una colica renale al lato sinistro, mi sono recata in pronto soccorso dove mi hanno fatto prima un prelievo sanguigno e poi una flebo di paracetamolo. Il dolore si è calmato in poco tempo, premetto che quando sono arrivata ero molto agitata, (ho il terrore degli ospedali) e la temperatura corporea era di 37.7. In seguito mi hanno fatto un'ecografia ADDOME COMPLETO (VIE URINARIE) dalla quale è risultato "IDROURETERONEFROSI DI SECONDO GRADO A SINISTRA IN ASSENZA DI CALCOLI RENO-VESCICALI ECO-DELIMITABILI. VERSAMENTO LIEVE NEL DOUGLAS". Dalle analisi è risultato tutto perfetto, mi hanno prescritto una cura a base di paracetamolo 1000mg x3 giorni e una visita dall'urologo.
Oggi ho fatto la visita dall'urologo, non avevo dolore se non lieve quando premeva alla parte sinistra e mi ha prescritto delle bustine di citrato di potassio, e paracetamolo al bisogno. Ovviamente devo rieseguire l'ecografia per controllare il calcolo dov'è visto che non si era visto la prima volta ma c'era la presenza del passaggio. Scrivo per chiedere un parere riguardo la temperatura corporea, che raggiunge al massimo i 37.6. Mi devo preoccupare? A cosa può essere dovuto?
Sono un soggetto molto ansioso, dal nulla mi creo paranoie inutili che mi agitano ancora di più. L'urologo mi ha confermato che sta procedendo tutto bene e che non risulta nessuna infezione.

Grazie per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La dilatazione del rene può essere unicamente causata da una ostruzione dell’uretere, più frequentemente un piccolo calcolo. L’ecografia non è in grado di individuare i calcoli dell’uretere se non nel primissimo tratto ed in prossimità dello sbocco in vescica. Ora noi non possiamo sapere se il calcolo c’é ancora od è stato già espulso inavvertitamente. Per saperlo con certezza, l’unica possibilità é eseguire unaTAC dell’addome senza mezzo di contrasto. Talora, con un po’ di ottimismo, si evita l’ulteriore approfondimento diagnostico se la colica si è risolta velocemente. non si è ripetuta, lasciando nel pieno benessere. In ogni caso è opportuno ripetere un’ecografia dopo 2-3 settimane.
Le consigliamo la lettura di questo nostro articolo:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1194-coliche-renali-trattare-i-sintomi-o-risolvere-il-problema.html
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 523XXX

La ringrazio per la risposta Dottore. Ho dimenticato di dire che i disturbi sono iniziati da una cistite domenica sera, adesso, consultando il mio medico curante, mi ha prescritto un antibiotico perché mi era salita la febbre fino a 38.3 e non si abbassava con il paracetamolo. Le chiedo, questa febbre mi si alza e mi si abbassa di continuo tant'è che mi sento veramente molto debole ed assonnata. La cura antibiotica l'ho iniziata ieri sera, può dirmi se questa febbre è normale o bisogna fare qualcosa? Sono molto ansiosa e mi preoccupo per tutto. La febbre arriva al max ai 38.3 finora.

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Se la febbre non si risolve abbastanza rapidamente on l'antibiotico, diremmo che eseguire la TAC diventa più importane.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 523XXX

Grazie per la risposta dottore, la febbre sale e scende nell'arco di pochi minuti, è normale questo? Con rapidamente che lasso di tempo si intende?

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Appena possibile, ovviamente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 523XXX

Salve Dottore,
In seguito ho terminato la cura antibiotica prescritta (2 compresse al giorno per 5 giorni) ed effettuato una ecografia dalla quale è risultato tutto perfettamente nella norma e, prescritto dal mio medico curante, le analisi delle urine ed urinocoltura. Dalle seguenti, i valori non nella norma sono:

ANALISI URINE
Emoglobina 0.03 mg/dL Assente
Leucociti 189 > num/microL < 20
Batteri 416 > num/microL < 150
Cellule epiteliali squamose 51 > num/microL < 12

URINOCOLTURA
Carica microbica / mL >10^5 unita` formanti
colonie/ml
[6] Coltura aerobi Lactobacillus spp.
Probabile contaminazione da batteri residenti


Aggiungo che questi esami sono stati fatti una settimana dopo aver terminato l'antibiotico.
Come sintomi, devo dire che si sono risolti quasi del tutto, se non fosse che se passo del tempo fuori casa, al rientro, alla sera ho un leggerissimo bruciore durante la minzione che si allevia alla fine (solo ad una minzione, non alle eventuali successive). Sto bevendo 2l di acqua al giorno, qualche volta anche di più, il mio medico curante dice che bisogna solo bere e rifare l'esame dopo un mese (quindi verso la metà di Luglio). Vorrei avere da lei un parere, se bisogna fare qualche altro esame oppure aspettare. E' diventata ormai un pensiero fisso, ho paura mi rivenga forte l'infezione.
La ringrazio per l'attenzione,
Cordialmente.

[#7]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'urocoltura è da considerare negativa, concordiamo con il nostro Collega sulle indicazioni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 523XXX

Grazie mille, Dottore!