Utente 443XXX
Buonasera, ho 35 anni e soffro di prostateite cronica abatterica. Dopo l'elaculazione avverto pesantezza anale che mi dura qualche giorno, poi scompare e si ripresenta dopo il successivo rapporto, se non sono trascorsi circa 6/7 giorni dal precedente. Nel 2018 sono stato davvero bene senza ricadute iniziate a gennaio 2019. Vengo curato con integratori ma gli effetti benefici spariscono dopo poco tempo. Mentre gli antibiotici non mi facevano quasi nulla.
Esiste qualche cura innovativa o qualche consiglio da seguire?
Non bevo caffè, né mangio piccante, né superalcolici, poca carne, ma soffro di colite.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La colite é ovviamente il suo punto debole. A nulla possono servire le cure dirette all’apparato urogenitale se a monte l’intestino continua a diffondere infiammazione, congestione e magari anche germi aggressivi, causati da una flora batterica locale squilibrata. Quelli per gli integratori sono veramente soldi sprecati. Si rivolga invece ad un buon gastro-enterologo e ad un nutrizionista. Ad esempio, le intolleranze alimentari misconosciute sono comunissime e andrebbero individuate e trattate con molta attenzione.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 443XXX

Mi sono rivolto ad un gastroenterologo per i disturbi dell'intestino e anche dello stomaco, ho l'ernia iatale, ma non ho mai collegato il tutto con l' apparato urinario. Sono anche intollerante al lattosio. Mi capita di andare più volte in bagno di corpo a giorni alterni.
Quando sto più male prendo ibs Active per l'intestino e tre Gord per lo stomaco.
Per la prostata invece uso deprox supposte.
Mi può aiutare?

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
La funzionalità dell’intestino e l’equilibrio della sua flora batterica condizionano parecchio le basse vie urinarie. Se nonostante le cure intraprese il suo intestino continua a fare le bizze evidentemente le cose vanno prese molto più seriamente, soprattutto dal punto di vista nutrizionale. Le intolleranze alimentari sono insidiose, ma possono essere corrette solo seguendo le indicazioni di un nutrizionista attento, il fai-da-te evidentemente non basta. Con una situazione del genere in atto, qualsiasi integratore alimentare per la prostata é quasi certamente inutile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing