Utente
Buonasera,
Sono un uomo di 56 anni, soffro di gastrite cronica e colite.


Giugno 2019: esame Ecografico: Prostata 46 ml
Analisi PSA totale: 1, 1
Visita digitorettale tutto ok.



Agosto 2020: ecografia prostata 28 ml
PSA totale: 2, 7
Visita digito rettale tutto ok

Nel mezzo a dicembre 2019 prostatite acuta curata con antibiotici.


Volevo chiedervi per cortesia un parere su aumento di PSA con diminuzione volume prostatico e soprattutto senza alcun sintomo di disturbo (minzione notturna bruciori o altro).


Mio padre nel 2010 a 72 anni operato di tumore alla prostata risolto positivamente.


Vi ringrazio in anticipo per la vostra disponibilità

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Le misurazioni ecografiche sono sempre da interpretare con molto senso critico, poiché dipendono molto dall'accuratezza dell'operatore, dall'apparecchio utilizzato e non possono essere riscontrate in alcun modo. La spiegazione più semplice (che come diceva Occam è sempre la migliore ...) è che la seconda ecografia tenga conto solo della parte centrale della prostata, il cosiddetto "adenoma" che alla sua età inizia a farsi più evidente. D'latronde non vi è motivo raginevole perché la ghiandola debba quasi dimezzare le sue dimensioni, mentre è invece quasi inesorabile che aumenti nel tempo, in modo assolutamente variabile da soggetto a soggetto. Considerata la positività familiare lei fa molto bene a controllare il PSA, cosa che dovrebbe fare annualmente fino ai 70 anni circa. I valori sono comunque ancora ampiamente nei lmiti di norma, entro i quali sono ovviamente possibili delle piccole oscillazioni. Cerchi sempre di fare l'esame nello stesso laboratorio.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente
Buonasera Dottore,
La ringrazio per la celere risposta dalla quale deduco che molto probabilmente la prostata non si è ridotta nelle sue dimensioni.
Le confesso, e mi scuso per il timore che mi spinge a chiedervi , se possibile ovviamente e con tutte le limitazioni di una diagnosi a distanza a cosa può essere dovuta questo innalzamento del PSA (sono ormai 10 anni che mi controllo) più che raddoppiato rispetto appunto ai valori degli ultimi dieci anni sempre intorno a 1,1.
Potrei trovarlo più basso al prossimo controllo?
Quando dovrò preoccuparmi eventualmente?
E’ possibile che il valore possa raddoppiare in un anno senza destare sospetti pur senza che la visita abbia rilevato nulla?
La ringrazio per la pazienza e disponibilità

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Rilegga attentamente cosa le abbiamo già scritto.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing