Testosterone e disturbi metabolici, il cane che si morde la coda

Dr. Andrea MilitelloData pubblicazione: 19 agosto 2019

Riporto un interessante lavoro dei colleghi italiani, articolo in bibliografia

 

Numerosi studi evidenziano che la carenza di testosterone è associata e prevede un aumento del rischio di sviluppare disturbi metabolici e, d'altra parte, è altamente prevalente nell'obesità, nella sindrome metabolica e nel diabete mellito di tipo 2. Modelli di gonadotropina che inducono deficit di ormoni e terapia di deprivazione di androgeni in pazienti con carcinoma prostatico, suggeriscono che l'ipogonadismo ipogonadotropico potrebbe contribuire all'insorgenza o al peggioramento delle condizioni metaboliche, aumentando l'adiposità viscerale e la resistenza all'insulina.

 

Tuttavia, nell'ipogonadismo funzionale, così come nell'ipogonadismo a esordio tardivo, la relazione tra ipogonadismo ipogonadotropico e disturbi metabolici è bidirezionale, ed è stato documentato un circolo vizioso tra i due componenti. I meccanismi alla base del crosstalk tra carenza di testosterone e disturbi metabolici comprendono un aumento del tessuto adiposo viscerale e resistenza all'insulina, portando allo sviluppo di disturbi metabolici, che a loro volta contribuiscono a un'ulteriore riduzione dei livelli di testosterone.

La riduzione dei livelli di testosterone può essere determinata dalla riduzione insulino-mediata e, eventualmente, pro-infiammatoria mediata da citochine, della globulina legante gli ormoni sessuali, con conseguente aumento temporaneo del testosterone libero disponibile per l'aromatizzazione all'estradiolo nel tessuto adiposo viscerale, seguito da un conseguente riduzione dei livelli di testosterone libero, a causa dell'eccesso di tessuto adiposo viscerale e dell'aromatizzazione; da un effetto inibitorio diretto dell'aumento dei livelli di leptina sulle cellule di Leydig; e da una ridotta secrezione di gonadotropina indotta da estradiolo, mediatori infiammatori, resistenza alla leptina e resistenza all'insulina, con la massima determinazione di un sostanziale ipogonadismo ipogonadotropico.

 

La maggior parte degli studi incentrati sugli effetti della terapia sostitutiva con testosterone sul profilo metabolico hanno riportato un effetto benefico del testosterone su peso corporeo, circonferenza della vita, indice di massa corporea, composizione corporea, livelli di colesterolo e controllo glicemico. Coerentemente, diversi studi interventistici hanno dimostrato che la correzione dei disturbi metabolici, in particolare con i composti che mostrano un maggiore impatto sul peso corporeo e sulla resistenza all'insulina, ha migliorato i livelli di testosterone. Lo scopo della presente revisione era quella di fornire una panoramica completa sulla relazione tra ipogonadismo ipogonadotropico e metabolismo, chiarendo il ruolo indipendente della carenza di testosterone nella patogenesi dei disturbi metabolici e descrivendo il ruolo relativo della carenza di testosterone e della compromissione metabolica, il contesto della relazione bidirezionale tra ipogonadismo e malattie metaboliche documentata nell'ipogonadismo ipogonadotropico funzionale. Questi aspetti sono stati valutati descrivendo il profilo metabolico negli uomini con ipogonadismo ipogonadotropico e lo stato androgenico negli uomini con disturbi metabolici.

Per approfondire:

 

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31402895

Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

2 commenti

#1
Utente 450XXX
Utente 450XXX

Salve dottore,
anche un ipergonadismo favorisce l'accumulo di grasso viscerale?

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche testosterone 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati