La depressione è uno dei possibili disturbi che possono comparire in perimenopausa, il periodo che precede la menopausa, e durante la menopausa.

Molte donne chiedono a noi ginecologi consigli riguardo la depressione e come curarla, le domande sono indirizzate soprattutto a capire se per esempio la terapia ormonale sostitutiva per la menopausa o TOS è utile anche per curare la depressione, se è possibile curarla con metodi “naturali”, se si possono evitare i farmaci antidepressivi.

 

Le ultime novità riguardo la cura della depressione durante la perimenopausa e in menopausa sono state chiaramente esposte nelle linee guida appena pubblicate sulla rivista scientifica Menopause.

Epidemiologia

  • La perimenopausa è una finestra di vulnerabilità per lo sviluppo di entrambi i sintomi depressivi e degli episodi depressivi maggiori.
  • Il rischio di sintomi depressivi è elevato durante la perimenopausa anche nelle donne senza storia di disturbo depressivo maggiore.
  • La maggior parte delle donne di mezza età che sperimentano un MDE (episodio depressivo maggiore) durante la perimenopausa hanno subito un precedente episodio di depressione ; quindi, l'episodio rappresenta la ricorrenza della loro malattia. La prima insorgenza di vita di MDD (disturbo depressivo maggiore) durante questo periodo è meno comune.
  • I dati evidenziano che le donne in menopausa chirurgica consecutiva all’asportazione delle ovaie, sono a rischio aumentato di depressione rispetto alle donne che vanno in menopausa in modo naturale.
  • I fattori di rischio per i sintomi depressivi durante la perimenopausa includono precedenti MDD, fattori sociodemografici (ad esempio, età giovane, razza nera, difficoltà finanziarie), fattori psicosociali (eventi avversi della vita, basso sostegno sociale), sintomi della menopausa (vampate, sudorazioni, disturbi del sonno), sintomi di ansia e disturbi dell'umore legati alla riproduzione (ad es . sintomi depressivi post-partum e / o premestruali ).
  • I fattori di rischio per MDD durante la perimenopausa includono fattori di salute mentale (precedente MDD, uso attuale di antidepressivi , ansia, sintomi depressivi premestruali ), fattori sociodemografici, fattori psicosociali (sconvolgenti eventi della vita, isolamento sociale) e sintomi della menopausa (soprattutto disturbi del sonno).

Presentazione clinica

  • La depressione durante la mezza età si presenta con i classici sintomi depressivi , comunemente in combinazione con sintomi specifici della menopausa (cioè vampate e sudorazioni, disturbi del sonno) e sfide psicosociali.
  • Diversi sintomi comuni della perimenopausa (vampate di calore, sudorazioni notturne, disturbi del sonno e sessuali, cambiamenti di peso / energia, cambiamenti cognitivi) complicano, si verificano in concomitanza e si sovrappongono alla presentazione della depressione durante questo stadio.
  • I sintomi vasomotori sono associati a sintomi depressivi ma non a MDE, tranne che nelle donne hanno il primo episodio depressivo durante la perimenopausa .
  • I fattori di stress della vita che sono comuni per le donne nella mezza età (ad esempio, cura dei nipoti e dei genitori, cambiamenti di carriera e di relazione, invecchiamento, cambiamenti corporei) e malattia personale / familiare possono influenzare negativamente l'umore.

Valutazione e diagnosi

  • Valutazione: include l'identificazione della fase di menopausa con eventuali sintomi ad essa correlati, sintomi psichiatrici, considerazione dei fattori di rischio psicosociali e l'uso di scale per la valutazione dei sintomi ed effettuare diagnosi differenziale.
  • Le donne con MDE pregresse (non necessariamente correlate agli ormoni) e donne con gravi sintomi depressivi e / o ideazione suicidaria dovrebbero sempre essere valutate per un disturbo dell'umore.
  • La diagnosi differenziale di depressione durante la perimenopausa comprende MDD, depressione subsindromica , disturbo dell'adattamento, sofferenza psicologica, lutto, episodi depressivi associati al disturbo bipolare e cause mediche generali della depressione .
  • Una scala specifica per i disturbi dell’umore legati alla menopausa non esiste; tuttavia, per la determinazione delle categorie delle diagnosi di disturbi dell'umore possono essere utilizzate diverse misure generali di screening convalidate (ad esempioPHQ-9). Sintomi della menopausa convalidati e scale della qualità della vita correlate alla salute (ad esempio, MRS, MENQOL, Greene Climacteric Scale, scala della qualità della vita in Utian) possono essere utili per chiarire il contributo dei sintomi correlati alla menopausa .

 Trattamento della MDD (disturbo depressivo maggiore) con antidepressivi e psicoterapia

  • Le comprovate opzioni terapeutiche per la depressione (es. Antidepressivi e altre psicoterapie) dovrebbero rimanere trattamenti antidepressivi di prima linea per le MDE (episodi depressivi maggiori) durante la perimenopausa .
  • I dati esistenti su vari antidepressivi SSRI e SNRI (inclusi citalopram, desvenlafaxina, duloxetina, escitalopram, fluoxetina, sertralina e venlafaxina) suggeriscono una buona efficacia e tollerabilità a dosi usuali. Nelle donne con una storia di MDD, una precedente risposta adeguata ad un particolare antidepressivo dovrebbe guidare la selezione del trattamento quando la MDD si ripresenta durante la mezza età. Solo la desvenlafaxina è stata studiata e dimostrata efficace in ampi studi randomizzati controllati verso placebo di donne depresse peri e postmenopausali ben definite.
  • La selezione di antidepressivi durante la perimenopausa dovrebbe prendere in considerazione i precedenti studi e le risposte degli antidepressivi della donna, i dati disponibili sull'efficacia e la tollerabilità in questa specifica popolazione, la gestione degli effetti collaterali (es. Disfunzioni sessuali, cambiamenti di peso) e la sicurezza (es. Interazioni farmaco-farmaco)), data la probabilità di un uso concomitante di altri farmaci durante questa fase della vita.
  • Oltre alla loro efficacia nel trattamento della MDD, molti antidepressivi (SSRI e SNRI) migliorano anche i disturbi legati alla menopausa (es. vampate, sudorazioni, dolore).
  • I medici dovrebbero anche considerare il trattamento del disturbo del sonno concomitante e della sudorazione notturna come parte del trattamento per la depressione correlata alla menopausa .

Terapia con estrogeni

  • Esistono prove che la terapia con estrogeni ha effetti antidepressivi di entità simile a quelli osservati con i classici antidepressivi quando somministrati a donne in perimenopausa depresse con o senza sintomi vasomotori (vampate e sudorazioni) concomitanti.
  • La terapia con estrogeni è inefficace come trattamento per i disturbi depressivi nelle donne in postmenopausa. Tale evidenza suggerisce una possibile finestra di opportunità per l'uso efficace degli estrogeni per la gestione dei disturbi depressivi durante la perimenopausa .
  • Ci sono alcune prove che la terapia con estrogeni migliora l'umore e migliora il benessere nelle donne in perimenopausa non depresse.
  • I contraccettivi ormonali, in particolare se usati in modo continuo, hanno mostrato alcuni benefici per la regolazione dell'umore e possono migliorare i sintomi depressivi nelle donne che si avvicinano alla menopausa .
  • L'estradiolo transdermico con progesterone micronizzato può prevenire l'insorgenza di sintomi depressivi nelle donne eu-timiche perimenopausali, ma l'evidenza non è sufficiente per raccomandare terapie a base di estrogeni per prevenire la depressione nelle donne peri o postmenopausali asintomatiche e i rischi e benefici devono essere valutati.
  • Le terapie a base di estrogeni possono aumentare la risposta clinica agli antidepressivi nella mezza età e nelle donne anziane, ma il loro uso deve essere considerato con cautela, cioè preferibilmente quando indicato anche per altre condizioni concomitanti come i sintomi vasomotori.
  • La maggior parte degli studi sulla terapia ormonale per il trattamento della depressione ha esaminato gli effetti dell'estrogeno da solo . I dati sulla terapia ormonale combinata (estrogeno più progestinico) o per i diversi progestinici sono scarsi e inconcludenti.
  • L'estrogeno non è approvato dalla FDA per il trattamento dei disturbi dell'umore.

Terapie alternative

  • Le evidenze disponibili sono insufficienti per raccomandare approcci fitoterapici o complementari / alternativi per il trattamento della depressione correlata alla perimenopausa .
  • È ragionevole raccomandare l'esercizio e l’attività fisica nelle donne peri e postmenopausali con depressione , in particolare se usati in combinazione con le psicoterapie e le terapie farmacologiche raccomandate.

Fonte:

Guidelines for the evaluation and treatment of perimenopausal depression: summary and recommendations

Maki, Pauline M.; Kornstein, Susan G.; Joffe, Hadine; More

Menopause. 25(10):1069-1085, October 2018.

                                     Dr.ssa Vincenza De Falco

Articoli correlati:

 

  • Menopausa, sintomi intensi e sovrappeso: la "cura" è muoversi ed evitare la sedentarietà: Sei in menopausa e avverti sintomi particolarmente intensi? Soffri di insonnia, ansia, umore depresso che ti rendono la vita impossibile? Sei una donna sedentaria, che fa poca attività fisica e ora con la menopausa sei in sovrappeso? Secondo uno studio recentemente pubblicato sulla rivista scientifica Menopause,condotto su 079donne latino americane di età compresa tra i 40 e i 59 anni, con uno stile di vita sedentario, (meno di 90 minuti di attività fisica a settimana), la mancanza di movimento regolare è associata a sintomi della menopausa più gravi e intensi, in particolare depressione, insonnia, ansia, oltre a favorire ulteriormente l’aumento di peso e l’obesità.I risultati di questo studio quindi ribadiscono l’importanza di evitare uno stile di vita sedentario, che influisce negativamente anche sui sintomi menopausali…

Leggi tutto: https://www.medicitalia.it/blog/ginecologia-e-ostetricia/6524-menopausa-sintomi-intensi-e-sovrappeso-la-cura-e-muoversi-ed-evitare-la-sedentarieta.html

 

  • Vampate in menopausa: un trattamento NON ormonale recentemente approvato dall’FDA: Il 28 giugno 2013, l’FDAha approvato un trattamento non ormonale per le vampate di calore associate alla menopausa Ci sono vari tipi di trattamento ormonali approvati dall’FDA per i disturbi vasomotori della menopausa, ma questo è il primo di tipo NON Si tratta della paroxetina , attualmente l’unico trattamento non ormonale per il trattamento delle vampate menopausali di intensità moderata e grave approvato dall’FDA. La paroxetina, è un farmaco antidepressivo, inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina, la sicurezza e l’efficacia di questo farmaco sono state testate in due studi randomizzati in doppio cieco, controllati con placebo su un campione di 1175 donne in post menopausa per un periodo di 12 e 24 settimane rispettivamente. E’ stato visto che la paroxetina riduce le vampate rispetto al placebo attraverso un meccanismo d’azione che però non è ancora conosciuto. Le vampate sono un disturbo che colpisce circa il 75% delle donne in menopausa e può diventare molto fastidioso e compromettere la vita di relazione delle donne quando è particolarmente intenso…

Leggi tutto: https://www.medicitalia.it/news/ginecologia-e-ostetricia/3691-vampate-in-menopausa-un-trattamento-non-ormonale-recentemente-approvato-dall-fda.html

 

 

Logo medicitalia.it