Tutte le donne dovrebbero beneficiare dell'assistenza sanitaria pre-concepimento, e in questo modo essere aggiornate sui vaccini raccomandati prima di rimanere incinta.Purtroppo, questo non è il caso, e molte donne, quelle con basso reddito o extracomunitarie, in particolare, si scoprono essere poco informate quando si presentano per la prima visita in gravidanza. In questa occasione noi ginecologi possiamo affrontare il discorso sulla sicurezza delle vaccinazioni in gravidanza e concordare le vaccinazioni da effettuare, e illustrare sia i vaccini che possono essere somministrati e sia quelli controindicati in gravidanza.

L' ACOG (American College of Obstetricians and Gynecologist) e anche la SIGO (Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia) raccomandano e consigliano di valutare lo stato di immunizzazione di una donna e offrire i vaccini consigliati, precisando che: " Gli studi dimostrano costantemente che quando la raccomandazione e la disponibilità della vaccinazione durante la gravidanza provengono direttamente dal Ginecologo -Ostetrico, le probabilità di accettazione e ricezione del vaccino sono da 5 a 50 volte superiori "

Durante la visita iniziale prenatale, gli operatori sanitari dovrebbero garantire che le donne immunità contro la Rosolia e la Varicella. Ciò è particolarmente importante per le donne che, per vari motivi, non sono a conoscenza del loro stato di immunizzazione e in cui il rischio di infezione congenita che colpisce il neonato è reale.

Laura Riley (professore associato di ostetricia e ginecologia, Harvard Medical School, Boston, Massachusetts) sottolinea: " Una donna incinta che non è stata immunizzata contro morbillo-parotite-rosolia (MMR) o varicella ha bisogno di ottenere questi vaccini nel periodo post-partum, anche se lei sta allattando al seno. Entrambi i vaccini MMR e varicella sono vaccini vivi e attenuati. Sebbene il rischio di trasmissione materna da un vaccino vivo e attenuato somministrato inavvertitamente durante la gravidanza sia infinitamente piccolo."

Quindi, tutti i vaccini vivi attenuati sono controindicati durante la gravidanza, per non correre il rischio che un virus vivo infetti una donna gravida con conseguente rischio di trasmissione materno-fetale della malattia (RILEY).

Tra tutti i vaccini che dovrebberio essere somministrati durante ogni gravidanza primo fra tutti è il VACCINO ANTINFLUENZALE.Non solo la madre può ammalarsi abbastanza da richiedere il ricovero ospedaliero, ma l'infezione potrebbe aumentare il rischio di parto prematuro." Anche il suo neonato può ammalarsi gravemente, e il tasso di mortalità nei neonati è alto, quindi la madre può proteggere non solo se stessa ma anche il suo bambino se è adeguatamenre vaccinata ", sottolinea la Riley.

Le donne dovrebbero vaccinarsi contro la sindrome influenzale contemporaneamente a tutti gli altri in autunno.

""Il grosso problema dell'infezione influenzale è la polmonite, che è particolarmente problematica nelle donne in gravidanza e dopo il parto "" (Kevin Ault membro ACOG Università del KANSAS).

Tutti i vaccini anti influenzali raccomandati, adatti all'età e inattivi possono essere somministrati in sicurezza durante ogni trimestre.

Fonte: MEDSCAPE Ob/Gyn 2018 MD,LLC

Linee GUIDA SIGO

 

 

 

Logo medicitalia.it