coronavirus

Covid-19 ed emicrania

Dr. Mauro ColangeloData pubblicazione: 25 maggio 2021

Da quando la Covid-19 è stata dichiarata una pandemia, i sistemi sanitari del mondo intero hanno dovuto fronteggiare una sfida titanica nel trattamento delle malattie croniche.

L'impatto della pandemia sui pazienti con emicrania

I pazienti affetti da emicrania sono risultati particolarmente vulnerabili all'inadeguatezza di cure mediche, come è risultato da un sondaggio online, somministrato ad un campione di soggetti reclutati dal registro clinico delle cefalee, fra il 15 ed il 30 luglio 2020, attraverso i social media e compilato in forma anonima. Lo scopo dell’indagine, condotta da Jasem Y. Al-Hashel, è stato di ricercare il reale impatto della pandemia sui pazienti emicranici e di identificare i fattori di rischio che rendono inefficaci le terapie, tenuto conto delle variabili demografiche e di tutti i fattori psico-sociali correlati all’emicrania.

Dal lavoro Impact of coronavirus disease 2019 (COVID-19) pandemic on patients with migraine: a web-based survey study, pubblicato su The Journal of Headache and Pain [1] emerge che circa il 60% dei pazienti ha riportato un incremento nella frequenza dell’emicrania e un 10% ha lamentato una conversione dell’emicrania da episodica a cronica, che è tale con 15 o più episodi mensili, secondo la definizione della International Headache Society [2]; una sparuta minoranza del 16% ha riferito una diminuzione nella frequenza degli attacchi.

Sulla scorta di questi dati, l’opinione dei ricercatori è che la pandemia abbia interessato tutti i soggetti emicranici, che siano stati colpiti oppure no dall’infezione, in relazione sia all’effetto diretto del virus ma anche ad altri fattori che hanno contribuito alle fluttuazioni del tono dell’umore, come:

  • la riluttanza o difficoltà a recarsi dal medico per i controlli
  • la drastica variazione della routine quotidiana e dello stile di vita legato al lockdown
  • lo stress.

Quale relazione tra Covid-19, cefalee ed emicrania?

Seppure non sia ancora del tutto chiarita la connessione fisiopatologica fra Covid-19 e cefalea, studi recenti la individuerebbero in un meccanismo infiammatorio, con liberazione di citochine e chimochine da parte dei macrofagi che attiverebbero i neuroni della sensibilità nocicettiva.

Il primo sintomo che viene lamentato dal 26% dei pazienti colpiti dall’infezione è la cefalea, che si manifesta per il 62% entro 24 ore. In un quarto di questi pazienti la cefalea assume le caratteristiche dell’emicrania mentre nel 54% è più simile alla cefalea di tipo tensivo.

Nei soggetti in precedenza sofferenti di emicrania, la cefalea è risultata peggiorata in quanto a frequenza ed intensità degli attacchi. Si è potuto desumere che questo tipo di paziente è particolarmente vulnerabile alle variazioni della routine regolare e sono stati individuati come fattori scatenanti dell’emicrania i seguenti aspetti:

  • la prolungata permanenza al PC
  • l’improvvisa variabilità del ritmo sonno-veglia
  • le modifiche quali/quantitative della dieta e dell’assunzione di alcool e caffè.

Altro fattore trigger di peso non indifferente desunto dall'indagine è stato costituito dall’ansia e dalle variazioni del tono dell’umore, che sono notoriamente correlate all’emicrania, scatenate dall’isolamento sociale, dal bombardamento mediatico e da problemi economici connessi al lavoro.

Sono di pubblico dominio le difficoltà ubiquitarie create dalla pandemia da Covid-19 ma un aspetto particolare è di certo relativo ai pazienti affetti da emicrania, per i quali si richiede al di là dei consueti trattamenti preventivi con farmaci un approccio olistico, che utilizzi la telemedicina ed i servizi di counseling per un ben formulato trattamento dei fattori psico-sociali di notevole peso causale nello scatenamento e nell’aggravamento del disturbo.

Note:


Autore

maurocolangelo
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1972 presso Università Napoli.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Napoli tesserino n° 11151.

4 commenti

#1
Utente 510XXX
Utente 510XXX

Grazie dott. Colangelo per aver toccato un argomento così tanto importante ma altrettanto poco considerato da tanti professionisti. La pandemia ha fatto, e continua a fare, molti danni, e, come Lei giustamente sottolinea, il bombardamento mediatico, peggiora la situazione. Proprio per l'impossibilità di poter avere una"normale" a causa dei continui DPCM, si è obbligati a rimanere in casa per cui,per passare il tempo ci si mette al PC, o a guardare la TV, dove si sente parlare, o meglio sparlare, a più riprese di Coronavirus, dei contagi, dei decessi etc. C'è solo da sperare che si risolva tutto al più presto e nel migliore dei modi. Grazie ancora.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche coronavirus 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Neurologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Altro su "Covid-19"