Sono sempre stato convinto che tra medico oculista e pazienti "afflitti" da sindrome da occhio secco o meglio da sindrome da alterazione del film lacrimale, si debba creare un gruppo di lavoro, una specie di TEAM.

E' proprio in questo "laboratorio" ideale che nascono le strategie terapeutiche migliori.

Abbiamo visto, ad esempio, come uno Chef nutrizionista si sia trasformato.

Era un paziente vittima di una patologia oculare noiosa come l'occhio secco  ed è riuscito, tramite "questo lavoro comune" e costante, questo "trial and error" non solo superarla ma soprattutto ad aiutare gli altri, con consigli nutrizionali e comportamentali, diete e "dritte" sul necessario cambiamento delle abitudini e dello stile di vita.

 

In questa mia continua ricerca di possibili soluzioni o di "fattori", che possano migliorare la "qualità" della vita di tutti i giorni e la socialità di un paziente con occhio secco ho pensato a un occhiale.

 

Avevo visto molte cose strane in commercio, su siti internazionali, incompatibili con uno stile "italiano" e con una "vita sociale e lavorativa normale".

Per cui ringraziando sempre il buon Dio, che mi fa fatto dono di una "roncopatia",

il mio russare è così forte da farmi svegliare e nelle mie notti insonni penso a soluzioni per i miei amici pazienti.

 

Ecco quindi a voi il mio occhiale per occhio secco! 

Come vedete e' molto avvolgente, leggero, ed e' dotato di una protezione morbida che limita moltissimo l'evaporazione delle lacrime, pur consentemdo un sufficiente ed adeguato flusso d'aria.

 

 

In questa immagine si apprezzano molto di piu' i "cuscinetti" morbidi, che consentono

la creazione di questo "microclima" ideale intorno all'occhio.

 

 

Questa e' la "struttura" ingrandita per la protezione dell'Occhio destro: si puo' apprezzare una maggiore protezione laterale, per chiudere la parte piu' esterna e scoperta dell'occhio, due cuscini superiori e due inferiori e una protezione piu' delicata per il lato nasale, che di solito anche se di piccole dimensioni chiude bene e protegge quel lato dell'Occhio.

Noterete inoltre delle aperture: 6 piccoli canali, che consentono all'aria di circolare, ossigenando la superficie oculare e palpebrale, mantenendo però sempre umidità e temperatura costanti: un perfetto microclima dove far vivere il nostro Occhio.

 

Questa e' invece l'immagine della protezione analoga per l'occhio sinistro.

 

 

Visto dall'alto puo' sembrare un occhiale strano, ma tutti i miei pazienti che l'hanno provato si sono trovati davvero bene.

 

Per ora la produzione e' stata limitata ad alcuni Campioni Gratuiti, ma ci sono oggi Aziende che riescono con la Stampa 3 D a fare montature perfette , proprio su misura calcolando i paramentri di ciascun viso e ciascuna necessità.

La strada del futuro sarà proprio quella.

A Monica, una ragazza molto sportiva a cui ho regalato un paio di questi Occhiali,

e' venuta la buona idea di fargli aggiungere una lente Rayban dal suo bravo Ottico:

ed ecco il miracolo:

 

Monica ha ripreso a scorazzare in Bicicletta "più forte e più bella che pria"...

 

Sicuramente gli occhiali, da me ideati, non sono una panacea, (dovrò correre a brevettarli) ma possono essere un buon ausilio, un reale aiuto al paziente con Occhio Secco.

La secchezza oculare è il sempre il primo motivo che induce una persona a consultare un medico specialista oculista.

La sindrome da alterazione del Film Lacrimale (#TFOS2017 #DEWS2017) come recentemente ribadito dalle Linee Guida internazionali TFOS 2017 può essere causata da una serie infinita di cause diverse, compresi fattori ambientali quali luce solare molto intensa, i gas di scarico irritanti delle nostre auto e delle nostre fabbriche, dal polline trasportato dal vento, dalla polvere presente nei posti di lavoro,nelle nostre case, nelle caserme e nelle scuole e si esalta soprattutto quando utilizziamo un computer, un tablet, uno smartphone.

Gli sportivi appassionati di Ciclismo e chi ha la fortuna di avere una automobile Cabrio, sono maggiormente esposti a disturbi di Occhio Secco proprio per il turbinio di correnti d'aria contrarie, che si vengono a creare.

Anche molti farmaci, che utilizziamo abitualmente, sia per via locale per ver via generale, possono causare occhio secco.

In alcuni momenti fisiologici della vita: la menopausa e l'andropausa, ad esempio, con le loro repentine variazioni ormonali possono provocare una importante secchezza oculare con riduzione del fluido lacrimale prodotto.

Non sempre la migliore soluzione terapeutica possibile è costituita dalle “lacrime artificiali” in collirio o gel che siano.

Consiglio sempre i colliri in formulazione monodose o in confezione multidose, ma assolutamente senza conservanti tipo BAK (davvero molto pericolosi). 

Per questo motivo è molto importante che un paziente afflitto ed affetto da sindrome dell'Occhio Secco si rivolga , con fiducia, al medico specialista oculista , esperto di sindrome da alterazione del film Lacrimale, per scoprire insieme, tutte le possibili cause di questa noiosa e lesiva condizione psicofisica.

Non possiamo fare "miracoli", ma la giusta "alleanza" tra medico oculista, altri medici specialisti, medico di base, paziente e la sua famiglia crea la

situazione ideale per una guarigione...

 

Luigi Marino

www.luigimarino.com

www.oculistiaimo.it

www.tearfilm.org

www.tfosdewsreport.org

 

 

VI ASPETTIAMO AL CONGRESSO AIMO 2017 a ROMA!

 

ASSOCIAZIONE ITALIANA MEDICI OCULISTI

I contenuti scientifici sono redatti GRATUITAMENTE

dai medici chirurghi oculisti iscritti a Medicitalia.

È assolutamente vietata la riproduzione e la divulgazione anche parziale senza la prevista autorizzazione secondo la Legge e la Normativa vigente.