Utente 140XXX
Egr. medici, da ben 7 anni ho un problema che mi affligge. Per farvi capire meglio la situazione inizierò a raccontare dall'inizio.
Una sera mentre cenavo, il mio cuore ha avuto come un tonfo, sembrava si fosse fermato e subito dopo si alternavano dei battiti piccoli e veloci. Pensavo di essere andata in fibrillazione cardiaca, tanto che mi sono recata al più vicino pronto soccorso per farmi fare un elettrocardiogramma.
Da quest'ultimo non è risultata nessuna anomalia anche perchè il battito era rientrato nella normalità. La stessa notte si sono susseguiti gli stessi sintomi con durate più o meno brevi.
C'è da dire che in quel periodo assumevo un farmaco per il reflusso gastrico, ma nonostante la sospensione, i sintomi con gli anni continuavano anche se raramente. Ho fatto anche un ecocardiogramma dopler, ma non c'era alcuna anomalia al cuore. i sintomi si fanno più fastidiosi la notte quando il cuore sembra andaresene x i fatti suoi passando da battiti normali ad accelerati e certe volte mi manca pure l'aria. Al tonfo ormai ci sono abituata però non ho più i battiti brevi e veloci.di giorno non ho mai niente tranne se dopo i pasti vado a letto o sto molto seduta. Non ho problemi di affaticamento quando cammino, ma dato che soffro anche di anemia, sono spesso soggetta a fiacchezza. una volta l'anno alterno la cura del reflusso alla cura di integratori di ferro, vitam.c, folacina ecc, perchè non riesco a sopportare una dose massicccia di ferro.
Non ho nemmeno ernia iatale perchè ho fatto anche una gastroscopia, e la tiroide è normale.
Non so più cosa pensare: 1) anemia?; 2) reflusso?;3) attacchi di panico? 4) tubercolosi intestinale?(ho saputo che può portare anche sintomi simili al reflusso gastrico); 4) problema cardiaco serio nascosto?
Spero mi possiate dare un aiuto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
in base al suo scritto risulta evidente che l'insorgenza delle extrasistoli sia legata al reflusso gastro-esofageo e/o ad uno stato di iperacidità gastrica, mentre escluderei del tutto l'ipotesi cardiologica. Effettui per sicurezza anche un Holter ECG.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 140XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dott. Martino, la ringrazio per il consulto.