Utente 119XXX
Salve ho 50 anni prossimo ai 51, di sesso maschile sposato con figli, dal 2002 sono stato operato per un carcinoma in zona corda vocale sx, periodicamente mi sottopongo a visita di controllo, e effettuo per l'occasione esami di sangue e strumentali della parte interessata all'intervento, e ultimamente anche all'addome, psa, rx toracico, sino ad ora ogni esame sia strumentale che di sangue e psa hanno dato sempre esiti negativi quindi tutto a posto, ieri (14/01),ho fatto un ecografia come da routine all'addome superiore ed è emerso stavolta un quadro assolutamente inedito e cioè presenza di statosi parenchimale, ed un sospetto "angioma atipico" il medico che mi ha sottoposto all'esame mi ha detto che trattasi al 99% di tumore benigno raccomandandomi cmq di effettuare una tac con mezzo di contrasto x una verifica + esaustiva e precisa. Trasmetto il referto x megliore vs. vlutazione, non mi stò allarmando ma in parole povere mi spiegate cosa sono ste statosi e ovviamente da cosa sono state causate, premetto di essere stato sempre astemio non ho mai bevuto alcolici,ecco il referto:Fegato regolare per biometria e morfologia con modesti segni di statosi parecnchimali, presenza sede sovraportale di lesione espansiva con asse di mm 26 caratterizata da una prevalente compnente luminosa e con area periferica ipoecogenea (angioma Apitpico?) Opportuna verifica TAC con la modalità su descritta,Regolari la via biliare principale, colecisti normale per forma e dimensione, normale spessore parietale, Non calcoli, pancreas regolare per dimensione ed ecostruttura: Wirsung regolare x calibro. Reni in sede, normali x dimensione, buono lo spazio parenchimale.Regolare la riflessione degli echi pielici a dx, deposizione di sali di calcio a livello parenchimale a sn. Non espansi. Milza regolare per dimensioni e riflessione.Ovviamente aspettiamo la tac ma nel frattempo mi spiegate bene il tutto specie statosi e ovviamente angioma? grazie R
[#1] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
20% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore, avere un fegato steatosico significa avere un "fegato grasso". Tutto ciò che non riusciamo a smaltire in termini di nutrienti ingeriti con l'alimentazione, vengono "stoccati" a livello epatico sotto forma di acidi grassi non esterificati, responsabili della steatosi. Una dieta controllata risolverà il problema.
Per quanto riguarda l'angioma, esso è una neoformazione benigna che non da alcun problema, tuttavia per avere una diagnosi di certezza è buona norma chiedere una TAC, essendo l'esame ecografico limitato in tal senso, ma che invece sarà utile nel monitoraggio nel corso del tempo.
Molto Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 119XXX

Iscritto dal 2009
Ringrazio per la esaustiva risposta, si stò preparando alcuni esami del sangue per fare la tac, ma come mai visto che mi sottopongo a controlla ogni 4 mesi stà cosa nn è stata vista prima dall' altro ecografo a cui andavo abitualmente? se fosse stato maligno? cmq ha per caso una crescita veloce che magari sei mesi fa nn si vedeva oppure davvero nn è stato rilevato dall'altro ecografo? Tutto qua, Le farò sapere Dott. Manunta l'esito della tac e poi si vedrà! Un'altra cosa la presenza di grasso nel fegato è da correlare al fatto che soffro di esofagite da reflusso? grazie ancora e a presto! R
[#3] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
20% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2003
Gentile Signore, certo, ci conto. Il fatto che prima non era stato evidenziato potrebbe dipendere non tanto dalla maggiore o minore "esperienza" dell'operatore, ma anche dal tipo di strumento utilizzato; non tutti gli ecografi hanno la stessa sensibilità, alcune sonde rendono immagini chiare altre di meno. Inoltre la non adeguata preparazione pre-esame può rendere poco chiare le immagini per sovrapposto meteorismo (aria).
Se lei ha conservato le precedenti ecografie (le immagini non i semplici referti) le faccia vedere al radiologo che referterà la TAC, così potrà fare un esame comparativo ed esprimere un'opinione competente.
Stia tranqullo, anche se possibile, è improbabile che una massa sia cresciuta così velocemente con caratteristiche che richiamano quelle dell'angioma.
In attesa di sue nuove notizie, le invio i miei più Cordiali Saluti.
[#4] dopo  
Utente 119XXX

Iscritto dal 2009
Egr. Dott. Manunta,ringrazio ancora x la sua risposta sempre precisa e chiara,non appena avrò l'esame della tac la terrò senz'altro informata, come da Lei raccomandato porterò anche la precedente ecografia quella da cui nn si evidenziava nulla, così da rendere + chiaro il tutto.Cosa occorre evitare nel mangiare x aiutare il fegato? Io prima mangiavo molto pane e bevevo molto gassato ora ho eliminato sia l'uno che l'altro!
x il resto nn sono ne fumatore ne bevitore quindi....
Saluti e grazie ancora!
[#5] dopo  
Utente 119XXX

Iscritto dal 2009
Egr Dott. Manunta, proprio stasera come già le ho anticipato quando le ho trasmesso il referto della eco le trasmetto il referto della tac ecco il testo:
Nato il 06/03/1959
Provenienza SS: NN.P ROT.115
TC ADDOME SUPERIORE
Esame eseguito con tecnica volumetrica prima e dopo
somministrazione endovenosa di McD organoiodato con acquisizione trifasica.
Non si osservano alterazioni focali td-metriche del parechima epatico.vie biliari non dilatate.
Due minute formazioni cistiche nel contesto del parenchima splenico,la maggiore di 5 cm mm.
Pancreas surreni e reni nella norma.
Alcune formazioni linfonoidali del diametro massimo di 12mm, in sede inter-aortocavale e para-aortica.
Alcune minute nodulazioni del parenchima polmonare del diametro massimo di 6 mm,localizzate in sede subpleurica del segmento postero-basale e latero-basale dei lobi inferiori e del segmento lingulare superiore (esiti? altro?).Questo è quanto posso sapere cosa stà succedendo in parole povere? Il prossimo venerdi (5/02) sono dallo specialista oncologo. Mi dia qlc ragguaglio grazie!
[#6] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
20% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2003
Gentile Signore, le immagini polmonari possono essere valutate anche da un Pneumologo, potrebbe anche trattarsi di un vecchio reperto, ma è corretto approfondire.
Per quanto riguarda il fegato, per "alleggerirlo" come dice lei, dovrebbe limitare i grassi, soprattutto quelli saturi, seguendo una dieta adeguata normocalorica.
Cordialmente