Utente 402XXX
buon giorno, dopo un mese da un rapporto a rischio, nel senso che si e' rotto il preservativo me ne sono accorto e sono uscito subito. o cambiato il preservativo e dopo mi sono lavato. quindi anche se per poco sono venuto a contatto con la mucosa(anale). sono 4 giorni che ho' mal di gola, niente febbre, un po' di diarrea,qualche dolore ai lati del collo che mi sembra piu' muscolare che altro ma i linfonodi non mi sembrano gonfi. ma sono molto in anzia il mio pensiero va sempre li tutti i minuti.possono essere questi sintomi di una infezione retrovirale? se saro' positivo quanto potro vivere e come, ho un figlio in arrivo sono disperato al pensiero che non potro' godermelo. scusate se sono tragico ma sono pensieri che si fanno di fronte ad una malattia senza guarigione. (purtroppo era una prostituta e non conosco il suo stato di sieropositivita')
[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Calma, calma, calma. Primo i sintomi che lei riferisce sono molto aspecifici per poterli utilizzare per una diagnosi clinica di sindrome retrovirale acuta. Secondo: faccia il test subito, a tre mesi, e come da indicazione del Ministero se vuole a sei mesi. Sappia comunque che dopo tre mesi il test anticorpo con metodo Eia e Ag P24 è affidabilissimo. Terzo, e scrivo questo solo per gli eventuali sieropositivi che leggeranno il consulto: con l'HIV si vive benissimo. Ho numerosi pazienti che sono padri e madri eccellenti, continuano a lavorare e stanno bene(ovviamente seguendo norme igieniche e terapia). Si astenga dal donare il sangue e protegga i suoi contatti sessuali, fino a certezza di sieronegatività.
Marcello Masala MD
[#2] dopo  
Utente 402XXX

Iscritto dal 2007
grazie per la risposta,
volevo chiedere se in futuro posso farmi visitare da lei dopo aver fatto il test. visto che sono di roma anch io. ho visto molti suoi consulto ed ho ricevuto subito dalle sue risposte un senso di sicurezza. un ultima domanda al telefono help aids hanno parlato di bassa incidenza con un unico rapporto a rischio, ma questo fattore da cosa e' dato? e lei cosa ne pensa? grazie e buon lavoro
[#3] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Stia sereno la visito quando vuole, ma perchè sia utile aspettiamo il test. Help Aids ha detto correttamente, però non esiste una numerologia del rischio, è un fatto aleatorio.
Marcello Masala MD
[#4] dopo  
Utente 402XXX

Iscritto dal 2007
ok grazie una volta fatto i test come facio a contattarla. scrivo sempre qui.o faccio diversamente
[#5] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
mail.
M.M. MD
[#6] dopo  
Utente 402XXX

Iscritto dal 2007
salve dottore le scrivo perche' ho fatto un test presso il reparto malattie infettive di viterbo a 40 giorni dal rapporto a rischio ed e' negativo. pero' ci dice ben poco vero.
[#7] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
E' un primo importantissimo passo , ripeta il test a 90 giorni dal contatto. Tenga duro.
Marcello Masala MD
[#8] dopo  
Utente 402XXX

Iscritto dal 2007
scusi dottore se la disturbo ma in questo momento di forte stress lei e' per me come un punto saldo. qualche giorno fa ho avuto una diarrea durata 2 giorni, niente febbre, ma mi sento un po' debole ed ho la lingua bianca. soliti dolori ai lati del collo che ho cominciato a sentire da subito ma senza linfonodi ingrossati di grosso rilievo cosa pensa e sindrome retrovirale o coincidenze. ho fatto una ves cosi tanto per fare ed era a 2. non so se serve a qualcosa.
[#9] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
La VES a due è normalissima, una sindrome diarroica autolimitante non è mai un segno di sindrome retrovirale acuta.
Marcello Masala MD
[#10] dopo  
Utente 402XXX

Iscritto dal 2007
gentile dottore, nel frattempo che passano i giorni per un nuovo test volevo porle un altro quesito. ho sempre la lingua bianca e un catarro giallognolo in gola ho fatto 2 tamponi faringei con antibiogramma con esito negativo. potrebbe essere candidosi esofagea,oppure i sintomi della candidosi sono altri, che analisi si fanno per vederla. ho sempre sofferto un po' di gola da piccolo ma mai con le tonsille.
[#11] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
La diagnosi di Candidosi esofagea si può eseguire solo con esofagoscopia; la malattia da comunque sintomi seri, quale disfagia e dolore, solo raramente è asintomatica.
Marcello Masala MD
[#12] dopo  
Utente 402XXX

Iscritto dal 2007
gentile dottor masala, allora ho rifatto il test a 8 settimane (test elfa) ancora negativo. hcv (elisa) ancora negativo. Posso rilassarmi un po', posso ben sperare che fra altre 4 settimane che rifaro' il test sara' ancora negativo. chiedo questo in base alla sua esperienza di casi accertati, quello che dice il ministero della sanita' lo sappiamo. E' vero che la maggior parte delle sieroconversioni si vedono dalle 4 alle 8 settimane. comunque la ringrazio per tutti i consulti a cui mi ha risposto e anche per questo. buon lavoro
[#13] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Ha ottime probabilità che le cose vadano per il meglio.
Marcello Masala MD