Utente 175XXX
Salve sono una ragazza di 22 anni, da circa 15 giorni seguo una cura per l'acne pustolosa prescrittami dalla dermatologa che prevede l'utilizzo di : soluzione schiumogena purificante PUREXINE,GEL EPIDUO(da usare la sera),antibiotico tetralysal(sera a stomaco pieno), maschere a strappo per pelli acneiche(2volte a settimana) e crema lenitiva idratante. Per quanto riguarda i risultati è presto dirlo!L'acne la presento solo sulle mandibole e sotto il collo!ho sofferto di acne già l'anno scorso(ottobre 2009), ma in quel caso l’acne si presentava intorno alla bocca!avevo delle cisti ovariche che ho curato cn la pillola(6mesidi cura) Inoltre nel luglio 2009 mi è stata diagnosticata una sclerodermia cutanea "morfea", ma a marzo 2010 ho fatto specifiche analisi,e risulta che al momento è bloccata...tutto nella norma..analisi che dovrò fare ogni anno per tenerla sotto controllo(per la morfea metto creme per ammorbidire il tessuto cutaneo,e capsule piascledine 3 volte al giorno). Può l'acne essere correlate ad un'allergia o un intolleranza?visto che soffro anche di febbricola da un mese e piu (da 37,2 a 37.4)… avete qualche consiglio?Per la morfea dovrei fare di piu oltre agli esami specifici del sangue annuali?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
cara paziente,
la Morfea è una forma di sclerodermia localizzata alla cute, per cui di solito gli esami sono tutti negativi, tranne, ovviamente, quello istologico.
Per cautela farà ogni anno le sue analisi, ma saranno sempre negative.
Localmente fa già la sua cura, condivisibile o meno che sia (ci sono varie scuole di pensiero) per cui direi che è ben seguita.
Per quanto riguarda l'acne, direi che l'ipotesi allergologica è più che campata in aria, mentre va presa in considerazione , inprimis una causa di tipo ormonale da indagarsi da con l'aiuto di un ginecologo/endocrinologo, non con pillole estroprogestiniche date a caso come fa qualche dermatologo. Quando avrà la sua diagnosi e terapia riguardo al suo asseto ormonale, vedrà che l'acne, con una buona terapia drmatologica sarà sotto controllo.
Altra causa è quella locale, per l'uso di prodotti cosmeticamente sbagliati per la sua cute, con occlusione dei follicoli pilo sebacei. Queste sono le cause fondamentali di acne, poi ce ne sono altre, ma seguendo questi passi direi che dovrebbe avviarsi ad una buona definizione e soluzione del suo problema.

saluti

Mocci
[#2] dopo  
Utente 175XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per avermi risposto cosi velocemente. La dermatologa per la morfea mi ha fatto sostenere diversi esami : -ESAME EMOCROMOCITOMETRICO, - QUADRO PROTEICO ELETTROF, ESAME COMPLETO DELLE URINE, GLICEMIA,AZOTEMIA,PROTEINA C REATTIVA, FATTORE REUMATOIDE, IMMUNOGLOBINE etc ed i valori sono usciti tutti nella norma, ed ha intenzione di farmi ripetere questi annualmente.

Inoltre un dottore specializzato in sclerodermia mi ha assegnato degli esami per esludere al 100% l'ipotesi della sclerdodermia sistemica (spirometria, anti scl 70, anticentromero).Mi ha già rassicurato, però vuole metterlo per iscritto sulla base delle analisi.

Sempre la stessa dermatologa mi segue per l'ACNE però oltre alla cura non mi ha consigliato analisi per arrivare alla causa del problema.Che credo sia la cosa più logica da fare, visto che potrei risolvere cn le creme ma sarebbe una cosa momentanea. Lei mi consiglia un esame endocrinologo? A breve ho un altro appuntamento con la dermatologa, crede che chiedergli informazioni a riguardo(ormoni), sia la cosa giusta?

Per quanto riguarda i cosmetici, ques'estate a parte trucco per occhi non ho usato fondotinta ed ora lo uso molto di rado giusto qualche sera( ma è di origine naturale), noto solo che se uso gli struccanti anche delicati(a base di camomilla) mi capita qualche volta che si arrossi molto il viso, dandomi una forte senzaione di bruciore!0ra però uso solo il sapone prescrittomi dalla dermatologa.

[#3] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Premetto che non ho motivi, in base a quanto mi ha detto, di ritenere che la collega sia meno che competente, sia chiaro. Il fatto che l'acne possa avere una genesi ormonale è molto probabile, ma l'indagine andrebbe svolta da un ginecologo, in quanto secondo me più adatto: ovviamente ci sono eccezioni. E direi anche che la maggior parte dei ginecologi, pur anche eccezionalmente bravi, essendo la ginecologia come la dermatologia una branca assai vasta, non hanno tanta familiarità con la parte endocrinologica della loro materia e questo complica assai le cose. Però ritengo che quella sia la strada giusta da seguire ed è quella la maniera in cui routinariamente agisco.
Per quanto riguarda il discorso dei trucchi, è vero che possono essere o meno naturali, ma non è un discorso di irritazione o meno, bensì di caratteristiche cosmetologiche o, al limite, di entrambe le cose. Per cui curi anche questo aspetto. Ma ssemprre sotto la guida del professionista che la segue, mi raccomando

Ancora un saluto

Mocci
[#4] dopo  
Utente 175XXX

Iscritto dal 2010
Che la dermatologa sia capace ho avuto modo di vederlo quando gia prima della biopsia aveva riconsciuto la morfea, mentre ad essere sincera altri dottori non hanno saputo dirmi granchè alla vista della macchia.(spaventando sia me che la mia famiglia)
Il mio dubbio è, se lei stessa, la dermatologa può prescrivermi un esame endocrinologo?!
I miei ormoni avranno qualcosa che non va visto che gia l'anno scorso a seguito di una ecografia mi avevano riscontrato tre cisti alle ovaie(una da 3, da 2 e da quasi 5 cm). Magari quest'anno si saranno riformate. Lei quali esami specifici mi consiglia per risalire alla causa dell'acne?

LA RINGARZIO MOLTISSIMO DELL'AIUTO
[#5] dopo  
Utente 175XXX

Iscritto dal 2010
L'anno scorso le cisti le ho curate con la pillola, che mi è stata prescrittami senza nessun'esame da un altra dottoressa.
grazie
[#6] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Mi permetto di caldeggiarle di nuovo la visita ginecologica già consigliata. Se non sa dove andare, si appoggi alla clinica ginecologica univwersitaria più vicina, dove sicuramente ci sarà un ambulatorio di endocrinologia ginecologica. Questo è, ovviamente, il mio personale modo di procedere, poi ogni altro fa secondo propria scienza e coscienza, come si dice.
Ancora in bocca al lupo


Mocci