Utente 189XXX
Salve, cercherò di essere breve, ma vi prego di darmi qualche consiglio.

Circa un mese fa mi sono sentito male. Ho accusato dolore al braccio sinistro, al torace ed avevo il viso rosso. I miei genitori mi hanno portato al P.S. dove mi è stato fatto un ECG ed un'analisi, di cui non ricordo il nome, ricordo solo che il medico mi ha detto: Questa analisi controlla il cuore, o una cosa del genere, con esito negativo. Mi hanno dato delle gocce perché ero agitatissimo. Avevo la pressione arteriosa a 200/80.
Sono un ragazzo di 18, sono obeso e, prima di sentirmi male, non facevo attività fisica. I miei genitori hanno contattato un cardiologo, un nostro amico di fiducia, che mi ha controllato. Dall'ECG è stata riscontrata una tachicardia sinusale. La pressione arteriosa era 150/105, ma anche qui ero agitatissimo. Sono a dieta, una dieta ipocalorica e iposodica. In un mese ho perso 7 kg e, da quel giorno, faccio un'ora di tapis roulant al giorno. Bevo 2 litri di acqua povera di sodio al giorno.
Tuttavia, accuso ancora dolore, in alto a sinistra, toracico. E, da quando ho iniziato la dieta, ho la cefalea.
Questi dolori non sono costanti. A volte non ci sono proprio, a volte sono più intensi, altre volte meno intensi.
Sono un ragazzo molto ansioso e, spesso, mi innervosisco per nulla. Inoltre sto attraversando un periodo di stress a causa della scuola, infatti frequento il IV anno di Liceo Scientifico Brocca e non ce la faccio più a studiare tutte queste cose, ma lasciamo perdere.
Adesso, oltre alla vostra opinione, vorrei sapere le seguenti cose:

- Che cos'è la Tachicardia Sinusale?
- Il Dolore Toracico a che cosa può essere dovuto? Ho un po' di scoliosi e, sempre prima di sentirmi male, stavo sempre con maglie a maniche corte e dormivo con la finestra aperta.
- La Cefalea può essere causata dalla pressione arteriosa? Può essere causata dalla dieta? Sono preoccupatissimo!
- Il cardiologo dice che, al 90%, la mia pressione arteriosa è alta a causa dell'obesità, ma vuole essere sicuro e, infatti, sono in attesa di fare ECD, Ecografia al torace e ai reni. Perché mi sta facendo fare questi controlli? C'è qualcos'altro sotto?

Vi prego di aiutarmi perché ogni giorno penso e ripenso, non riesco più a stare tranquillo e ad ogni minimo dolore scoppia il panico.
P.S.: Sono alto 1,88 cm e prendo una compressa di Triatec al giorno e 10 gocce di Xanax la sera prima di andare a dormire.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Caro ragazzo,
non c'è molto da preoccuparti se seguirai la cura e le indicazioni alimentari che il cardiologo ti ha prescritto. Le analisi prescritte, rientrano nella routine di valutazione di un soggetto iperteso, i dolori sono meramente muscolari, la cefalea può essere legata a molteplici fattori tra cui anche l'ipertensione. Più rapidamente dimagrirai più ti sentirai meglio.
Saluti
[#2] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,

Innanzitutto la negatività del tracciato elettrocardiografico e degli enzimi cardiaci effettuati in Pronto Soccorso ci tranquillizzano sulla natura del Suo riferito dolore toracico.

In ordine rispondo alla Sue domande:

1) la tachicardia sinusale è un'accelerazione del battito cardiaco dovuta ad uno stress psico-fisico (stato di ansia, attività fisica ecc ecc.). In pratica è il ritmo del suo cuore che accelera per soddisfare la richiesta crescente di ossigeno del suo organismo.

2) Un dolore toracico con negatività di modifiche elettrocardiografiche e di enzimi cardiaci elevati non è legato al cuore, ma potrebbe essere espressione di una mialgia o nevralgia intercostale.

3)La cefalea potrebbe essere espressione di ipertensione arteriosa.

4)Concordo con l'ipotesi del Suo cardiologo, secondo cui l'obesità potrebbe essere la causa della sua ipertensione. Trovo inoltre corretta la richiesta di ulteriori accertamenti per escludere la bassissima percentuale di ipertensione arteriosa (circa il 2%) legata a problemi renali.

5)Si confronti con il Suo cardiologo sulla possibilità di effettuare un monitoraggio pressorio della 24h che ci permeterebbe di correlare il sintomo cefalea al valore di pressione arteriosa.

I cambiamenti dello stile di vita che sta mettendo in pratica sono una potentissima arma per ripristinare le condizioni ottimali di compenso emodinamico nel Suo organismo.

Stia sereno, segua quanto disposto dal collega che la sta curando e vedrà che nel medio termine si sentirà sicuramente meglio.

Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Utente 189XXX

Iscritto dal 2011
Grazie, mi sento già più tranquillo.
Continuerò, allora, così e spero vivamente di stare meglio al più presto!
:-)