Utente 179XXX
SALVE CARO DOTTORE SONO UNA RAGAZZA DI 26 ANNI, PREMETTO CHE E' DA QUALCHE TEMPO CHE SOFFRO I MANCANZA DI RESPIRO, PRATICAMENTE NON RIESCO A FARE RESPIRI PROFONDI. DUE MESI FA CIRCA HO FATTO UN ECOCARDIOGRAFIA AL CUORE E UN ECG AL CUORE ED ERA TUTTO NELLA NORMA...PERO' QUESTI SINTOMI NON PASSANO.
QUANDO SONO A MANGIARE DELLE VOLTE NON RIESCO A RESPIRARE SEDUTA MI TOCCA ALZARMI E DOPO QUALCHE MINUTI RIESCO UN PO' A RESPIRARE, E POI MI CAPITA SEMPRE ANCHE A LETTO, LA MANCANZA DI RESPIRO E DOLORE TORACICO..ANCHE SE AD ESEMPIO FACCIO QUALCHE FORZO TIPO PORTARE DUE BUSTE DELLA SPESA, ARRIVA SUBITO LA MANCANZA DI RESPIRO, COME A VOLTE IL CUORE MI DA L'IMPRESSIONE COME SE MI SALTASSE UN BATTITO!!
DEVO IMPAURIRMI?ANZI SONO PARECCHIO IMPAURITA!

ORA SONO TRE MATTINE CHE NON RIESCO A RESPIRARE ....
MI POTREBBE DARE QUALCHE CONSIGLIO?
DA COSA PUO' DIPENDERE?
MI DIA UN CONSIGLIO DOTT!!

GRAZIE GRAZIE
ARRIVEDERCI

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Vista la negatività degli esami cardiologici eseguiti finora, credo bisognerebbe indagare altri organi cominciando dall'apparato digerente. La Sua sintomatologia, infatti, suggerisce la possibile presenza di un reflusso gastroesofageo. Ne parli col collega curante.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 179XXX

Iscritto dal 2010
QUINDI LEI MI CONSIGLIEREBBE DI NON INDAGARE PIU' SUL TEMA DEL CUORE!!
approposito mi sono dimenticata di dirle che a ottobre 2010 HO FATTO ANCHE LA SPIROMETRIA PERCHE' SOFFRO DI ASMA ALLERGICA, ANZI HO SOFFERTO PERO' E' DA 5 ANNI CHE NON L'HO PIU' SENTITA, E LA SPIROMETRIA E' RISULTATA NEI LIMITI DELLA NORMA!
ALLORA LEI MI CONSIGLIA UNA VISITA DAL GASTROENTERLOGO?
O DOVREI INDAGARE?
[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Le consiglio una semplice visita dal medico di famiglia, al quale potrà chiedere il suo parere sulla possibilità di un reflusso gastroesofageo. Se il collega concorderà su questa ipotesi diagnostica, le consiglierà, a suo giudizio, una consulenza specialistica.
Cordiali saluti