Utente 261XXX
Salve a tutti!
Da circa un anno mi è stata diagnosticata una balanopostite; dopo varie vicissitudini e dopo aver eseguito un tampone cutaneo, è stata riscontrata la presenza di "numerose colonie di haemophilus parainfluezae".
Aggiungo che la balanopostite non mi arreca troppi disturbi a parte un forte arrossamento dopo ogni rapporto che cerco di alleviare con una crema antinfiammatoria; la domanda è: è possibile che il mio disturbo si possa risolvere con la somministrazione di amoxicillina+acido clavulanico 2 volte al gg per 7 gg?
Si tratta di un batterio che porta a qualche malattia seria? Mi consigliate qualche altra cura?
Grazie in anticipo e Buone Feste!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo Gigli
28% attività
0% attualità
12% socialità
CAMPO SAN MARTINO (PD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Potrebbe trattarsi di una banale contaminazione e non avere legami conm il tuo problema.Ripeterei il tampone
saluti
[#2] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
Caro amico, al di là di quanto già è stato ipotizzato non trascurerei la possibilità di infezione micotica o da altri patogeni. Se ritiene, ferma restando l'utilità di riscontri obiettivi, proporrei un trattamento omeobioterapico per 10 giorni con: * EXMYKEHL SANUM - 1 supposta serale + * NOTAKEHL D4 SANUM - 1 capsula prima di colazione. Ci aggoirni sul prosieguo del quadro. Cordialmente.
Dr. G.Cavallino
www.smige.net
[#3] dopo  
Dr. Francesco Montella
24% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2003
Sono d'accordo con il dott. Gigli sull'opportunità di ripetere il tampone. Ove confermata la presenza di Hemophilus la terapia con Amoxicillina-Ac. Clavulanico per sette giorni è efficace, sicura e scevra di effetti collaterali, a meno che non si sia allergici alla penicillina.

Cordiali saluti

FM
[#4] dopo  
Dr. Vittorio Crobeddu
24% attività
0% attualità
8% socialità
NOCI (BA)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2004
Ripeta il tampone e ci faccia sapere.Se confermato l'haemophilus si rende necessaria terapia antibiotica.Nel caso trattasi di un ceppo resistente alle penicilline utile zitromaz x 3 gg.Saluti
[#5] dopo  
Utente 261XXX

Iscritto dal 2004
Salve; ho ripetuto il tampone dopo la cura antibiotica: tutto come prima; il medico che mi ha "in cura" al centro malattie sessuali mi ha assicurato sulla natura non micotica del mio problema. A parte ciò, mi sono reso conto che l'arrossamento si verifica anche in casi di semplice masturbazione, per poi regredire nel giro di poche ore. Se non applico la mia solita crema antinfiammatoria (dermoflan) il prepuzio fa molta fatica a scorrere.
Ritenete che applicando gentalyn la situazione possa migliorare? Ormai è + di un anno che convivo con questo fastidioso (soprattutto dal punto di vista estetico) problema e vorrei notare alemeno qualche miglioramento.
Grazie in anticipo
[#6] dopo  
Dr. Paolo Gigli
28% attività
0% attualità
12% socialità
CAMPO SAN MARTINO (PD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Eviterei a questo punto di usare ogni topo di crema.Non applicare niente per almeno 20-30 gg e solo in cadso di infiammazione impacchi di acqua borica al 3% poi facci sapere.
saluti
[#7] dopo  
Utente 261XXX

Iscritto dal 2004
Rieccoci, la telenovela continua...in realtà dopo creme, acido borico, microemulsioni, semplice acqua e bicarbonato, 4 visite dermatologiche, sono al punto di partenza; il rossore persiste, senza prurito o bruciore, ma c'è! Mi sto rassegnando a conviverci, anche se nn riesco a rassegnarmi a dovermi "preoccupare" ogni volta che ho un rapporto. E' possibile un'allergia o intolleranza alimentare? Preciso che allergia al preservativo non può essere, dal momento che a prescinderne dall'uso, il rossore persiste. Non so + che fare!
E' come se la pelle intorno al solco balanico avesse delle piccole "rughe", come se fosse macerata, sebbene stia attento ad asciugare per bene la parte dopo ogni lavaggio. Possibile che nn ci sia niente da fer? Mi affido alla vostra professionalità e onestà.
Grazie in anticipo