Utente 211XXX
Dopo un RX al torace per una bronchite prolugata, veniva riscontrato un ampliamento al mediastino nsuperiore. Nei successivi esami alla tiroide (ecografia e risonanza) veniva riscontrato: nel lobo di sinistra due formazioni nodulari contigue, la maggiore di 12 mm, lesione nodulare nettamente subcentimetrica anche al polo inferiore del lobo tiroideo di destra. Il limite inferiore della tiroide è al di sopra del piano del giugolo. Il mediastino superiore è libero. Non macro-adenopatie sospette a tutti i livelli cervicali compresi nell'indagine. Normali l'oro-ipofaringe, la laringe e la trachea.
Sono stato poi sottoposto all'ago aspirato e come già spiegato nell'oggetto mi è stato diagnosticato TIR3.
Ora i medici che mi hanno in cura hanno deciso l'intervento radicale alla tiroide perchè secondo loro è l'unica soluzione possibile. Mi chiedo se veramente non vi siano alternative prima di procedere all'operazione senza avere la certezza che si tratti di tumore (non ho sintomi di alcun genere).
Vi ringrazio per quanto mi direte e sappiate che affronterei con molta riluttanza quanto prospettatomi considerando che ho già subito una prostatectomia radicale per tumore alla prostata (stadiazione G6) nell'ottobre del 2007.
Nuovamente grazie e cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Per fortuna accade di rado nei nostri consulti, ma dare una valutazione per una decisione così importante in assenza del paziente e senza avere la possibilità di consultare tutta la documentazione strumentale non solo risulta avventato ma è vietato dalle linee guida.
Mi dispiace ma è necessario un consulto reale.
[#2] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
Tutta la documentazione strumentale in mio possesso vi puo essere inviata in copia via e-mail, nel caso decideste di chiedermela; la presenza del paziente mi sembra non sia da voi prevista.
In sostanza io chiedevo un consiglio che mi aiutasse a prendere la decisione più corretta, perchè di fronte alla diagnosi di TIR3 ben due chirurghi hanno confermato la necessità di un intervento senza suggerire alcun altro test. Non esistono altri esami che possano aiutare a comprendere meglio il problema.
Dovete comprendere il paziente che potrebbe ritrovarsi senza tiroide e, forse, anche senza la presenza del tumore.
Vi ringrazio nuovamente. Cordialità.
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Se fossi nei panni di un mio familiare farei consultare tutta la documentazione anche da un ENDOCRINOLOGO.