Utente 186XXX
Buongiorno dottori,
circa una settimana fa sono caduto violentemente in bicicletta, riportando molte escoriazioni sul braccio destro. Proprio la parte destra è stata la più colpita, mentre a sinistra sono praticamente illeso.
Il dottore sostituto (perchè il mio è in ferie) mi ha disinfettato le ferite e consigliato delle cure per facilitare la guarigione. Mi ha anche controllato la mobilità delle articolazioni e tutto è risultato ok, se si esclude ovviamente il braccio che per forza di cose non muovevo come da sano.
Nei giorni a seguire però, ho iniziato a sentire dei fastidi sempre crescenti alle costole, unicamente dopo la notte, svegliandomi la mattina abbastanza dolorante in quella zona.
Ho pensato subito alal possibile incrinatura/rottura di qualche costola, ma non riesco a capire perchè il problema non si sia presentato subito, ma gradualmente e in aumento dopo le notti. C'è una spiegazione?


Vi ringrazio per la risposta,
cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buongiorno,

per escludere problemi ossei dovrebbe eseguire una radiografia del torace.
L'indolenzimento che lei avverte è tipico dei traumi in generale, che iniziano a far male dopo qualche tempo dal trauma non appena passa l'effetto "anestetico" della botta.
Glia accorgimenti sono in genere riposo, ghiaccio sulla sede colpita e terapia anti-infiammatoria al bisogno.

Non è quindi detto che lei abbia fratture.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 186XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio molto per la risposta.

Per quanto riguarda la radiografia sono intenzionato a non farla, visto che ai fini terapeutici mi cambierebbe poco, non essendo possibile l'utilizzo di alcuna ingessatura. Mi evito i raggi, quindi.

Sapevo dei traumi che iniziano a far male dopo qualche tempo, ma non pensavo in questa maniera. La mattina mi alzo dal letto con estrema difficoltà, mentre la sera i dolori sono molto più sopportabili in qualsiasi tipo di movimento, e senza uso di antinfiammatori in corso.

Detto questo la ringrazio nuovamente,
cordiali saluti