Utente 143XXX
Gentili Dottori,
sono una ragazza di 25 anni e Vi scrivo perchè da circa 3 mesi soffro per via della malattia emorroidaria. Non ne ho mai sofferto prima, ma ho notato subito come la sua esplosione sia coincisa con l'inizio dell'assunzione della pillola anticoncenzionale. Per cui il primo quesito che vorrei porVi è il seguente: premesso che sicuramente vi sono altre cause predisponenti la malattia, è possibile che la pillola ne sia stata la causa scatenante essendo le emorroidi delle vene varicose? E in tal caso potrebbe risultare opportuno sospendere la stessa?
In secondo luogo, vorrei porre alla Vostra attenzione il decorso della malattia. All'inizio ho avuto alcuni episodi acuti, con emorroidi gonfie all'esterno che rientravano nel giro di qualche giorno, grazie anche all'utilizzo di una crema apposita. Ad oggi, invece, anche quando queste si sgonfiano, una parte rimane comunque all'esterno, provocando chiaramente un certo disagio. Il medico di base mi ha visitato e consigliato semplicemente di ripetere l'applicazione della crema ogniqualvolta si ripresenta il problema. Il secondo quesito quindi è il seguente: ritenete che questo approccio sia sufficiente oppure sarebbe preferibile vedere uno specialista?

Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

La correlazione tra assunzione dell'anticoncezionale e la congestione emorroidaria non appare verosimile, dal momento che il preparato ormonale dovrebbe al contrario ridurre un eventuale stato di congestione pelvica che potrebbe riguardare indirettamente anche i plessi emorroidari.
Il trattamento della malattia emorroidaria richiede di necessità un inquadramento della problematica per una precisa collocazione diagnostica: conferma diagnosi, livello di progressione della malattia, eventuali complicazioni (flebite emorroidaria), alterazioni dell'alvo, ecc.
Solo in base a questi elementi è possibile poi impostare una corretta terapia.
[#2] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente,il fatto che il prolasso muco emorroidario non si riduca più completamente nel canale anale, significa che c'è stata un'evoluzione peggiorativa della malattia, quindi ritengo che una valutazione proctologica, sia necessaria per stabilire se la terapia medica sia ancora sufficiente per tenere il problema sotto controllo o sia arrivato il momento di programmare il trattamento chirurgico.
Cordiali saluti.