Utente 251XXX
Gentili dottori,
sono un ragazzo di 20 anni, vi scrivo in merito ad una situazione che mi sta creando molta ansia, in erezione il mio pene misura circa 16 cm quindi rientra nella media, tuttavia in stato di riposo è come "infossato" nella pelle dello scroto e del pube, dove è presente un po di tessuto adiposo; applicando una leggera pressione riesco a tirare fuori una parte dell' asta e le misure arrivano fino a circa 5 cm, quando mi siedo in particolare la situazione peggiora perchè il pene si ritrae quasi del tutto al di sotto della pelle... per buona parte dell' adolescenza sono stato sovrappeso ma circa 3 anni fa mi sono messo a dieta perdendo 18 Kg e attualmente il mio BMI è nella norma anche se sono tutt'ora a dieta per perdere gli ultimi 3-4 Kg rimasti; nonostante la perdita di peso però la situazione non è migliorata di molto e quindi temo, ed è proprio quello che vorrei chiedervi, che il pannicolo adiposo non sia l'unica causa del mio problema. All' età di 10 anni sono stato sottoposto ad un intervento di circoncisione per risolvere una fimosi, a quel tempo ero sovrappeso ed al termine dell'intervento ricordo che l'infermiera disse a mia madre che l'operazione era stata più difficile del previsto proprio a causa del grasso che ricopriva il pene... è possibile che a causa di questa complicazione il chirurgo abbia sbagliato l'intervento rimuovendo una quantità eccessiva di pelle, ed in seguito alla cicatrizzazione il tessuto fibroso abbia peggiorato ulteriormente la mia situazione?
Se si, cosa posso fare per risolvere? la chirurgia può aiutarmi?
Vi prego datemi un vostro parere perchè per me è una situazione molto imbarazzante... Grazie in anticipo per le risposte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

impossibile da questa postazione dire qualcosa di serio e corretto sulla sua attuale situazione anatomica.

Comunque , se il chirurgo che l'ha operata, quando era un bimbo di 10 anni, avesse "sbagliato l'intervento rimuovendo una quantità eccessiva di pelle" il suo pene non sarebbe "sepolto" ma si vedrebbe ed il problema sarebbe eventualmente l'opposto di quello da lei lamentato.

In questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile quindi formulare una risposta corretta, cioè capire la causa del suo problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico.

Bisogna, a questo punto, consultare in diretta un esperto andrologo.

Un cordiale saluto.