Utente 258XXX
Salve,
da qualche anno soffro di qualcosa a cui non riesco a dare risposta. Il mio medico è praticamente convinto si tratti di attacchi di panico dovuto a situazioni di stress. Io non riesco a crederci. Non sono stressato nè depresso, conduco una vita sociale felice ed ho un lavoro normale. Non mi sento affatto depresso!
Qualche anno fa ho iniziato a soffrire di problemi alla gola con attacchi d'asma. Ho scoperto di essere allergico alle parietaria e dopo un lungo percorso la situazione è migliorata. Continuo però ad avere problemi alla gola con "faringite" ed infiammazioni. In oltre, negli ultimi tempi, mi sento continuamente stanco, ho i muscoli delle gambe che mi fanno male e continue vertigini, formicolio agli arti e dolori al collo ed alla testa (in particolare "tra gli occhi") e in situazioni estreme mi si "accorcia" la vista. Arriva al punto di non poter stare in piedi, inizio a tremare. e l'unica soluzione al problema è distendermi. Faccio da sempre sport, ma negli ultimi anni non riesco a sostenere sforzi: ho solo 39 anni! Cosa strana è che quando questi sintomi si verificano contemporaneamente mi si gonfia tantissimo la pancia. Ne ho parlato con il mio medico è mi ha diagnosticato una gastroenterite da reflusso: non che abbia fatto una gastroscopia! Ho chiesto al mio medico più volte di fare un check up completo ma purtroppo mi scontro contro un muro! Sono attacchi di panico sostiene! Io vorrei prenderla come ultima ipotesi: ripeto mi sento psicologicamente benissimo. Ho letto di varie malattie alle quali poter associare i miei sintomi del tipo: sclerosi multipla o problemi alla tiroide (tra l'altro più di un appartenete alla mia famiglia ha problemi di questo tipo).
Vorrei tanto capire!

Grazie
[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIBO VALENTIA (VV)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

lascerei da parte le "brutte o particolari" malattie e penseri a quancosa di più semplice. Ovviamente sarebbe necessario eseguire accertamenti per escludere eventuali intolleranze (lattosio, glutine) e prendere in considerazione un trattamento per il reflusso gastroesofageo e per il colon irritabile (condizioni che mi sembra rilevare dalla sua descrizione), ma è il suo medico che deve decidere in questo.

cordialmente