Utente 260XXX
Buon giorno. La mattina del 4 Luglio di quest'anno ho stupidamente ceduto alla tentazione di avere un rapporto con una prostituta, il rapporto e' stato consumato totalmente indossando il preservativo. La sera del 11 luglio dopo una lunga passeggiata a piedi al termine della quale ero molto sudato ho attraversato la citta da un lato all'altro in moto senza indossare nulla sulla maglietta. Gia giorno 12 Luglio sentivo un leggero fastidio ala gola che a me era sembrata arrossata, la sera del 12 luglio misurabo la temperatura che era 37,3 C° e prendevo un aulin. Da venerdi 13 Luglio cominciai ad avese starnuti, rinorrea abbondante, allo specchio mi e' sembrato che le tonsille fossero arrossate. In casa avevo una confezione di Augmentin 875-125 e della aspirina effervescente per cui mi sono automedicato prendendo l'augmentin 2 pasticche al giorno una la mattina e una la sera piu le aspirine. La rinorrea ha avuto il picco sabato 14 e domenica 15, ieri e' di molto calata, si e' manifestata tosse con bruciore alla gola in piu una lieve difficolta' a respirare e visto che gia anno fa mi era successo ho assunto ieri sera e stamane dele pasticche di bentelan 6 mg ieri sera e 4 mg stamane. Al momento non c'e' piu rinorrea, il mal di gola sembra essersi calamto e non ho piu difficolta a respirare, continuo pero' a sentire un lieve pizzicore ai linfonodi ai lati del collo, una leggera dolenzia alla fronte in pratica dove c'e' l'attaccatura del naso e ogni tanto con la tosse emetto catarro. La temperatura non l'ho piu misurata. Ieri per di piu ho notato due escresciene filamentose sotto la lingua di colore normale cioe rosa-rosso. La mia domanda e' questa, penso che i miei sintomi, come anche il leggero pizzicore dei linfonidi dovrebbero essere ascrivibili piu che altro al vento preso in moto quando ero sudato, pero ogni tanto mi salta in mente un dubbio, cioe se il preservativo si fosse rotto????? Io ho dato un'occhiata al preservativo prima di sfilarlo e mi ricordo sembrava integro, forse e' un po il senso di vergogna che mi fa stare un po sul chi vive, e anche l'aver notato quelle due piccole escrescenze filamentose sotto la lingua ( non ho ne baciato la ragazza ne' praticato io a lei del sesso orale). In ogni caso quello che vorrei chiedere e' 1: quanto il mio rapporto e' a rischio? ; 2: Quanto i miei sintomi sono ascrivibili al vento preso in moto sudato e quanto invece a una sindrome retrovirale acuta? Comunque a meta agosto faro' il test del HIV (a 45 giorni come ho letto su internet), pero' intanto mi piacerebbe sentire il parere di un esperto a riguardo della mia situazione. Ringrazio anticipatamente chi vorra' prendersi il disturbo di darmi delle delucidazioni.
[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

tutto quello che ci racconta fa pensare a diverse patologie, anche stagionali o da imprudenza del motociclista, ma non ad una sindrome "retrovirale".

Infine da quello che ci scrive il rischio corso è stato vicino allo zero.

Per il futuro comunque, viste anche le sue crescenti fobie, stia attento ad avere rapporti sessuali se non in ambienti e con partner ben conosciute .

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 260XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dott. Beretta la ringrazio per la risposta, effettivamente sono stato da un otorino che mi ha diagnosticato una rinosinusite catarrrale acuta, e mi ha prescritto una cura sia topica che un po di cortisone per bocca.
In riferimento alla mia tendenza all'ansia purtroppo sono costretto a darLe ragione, e Le dico di piu sto seriamente valutando l'ipotesi di rivolgermi a uno specialista in tale branca, in fondo e' palese anche agli occhi di un profano, quale sono io, che stia sviluppando una forte tendenza alle ansie anche quando gia' con la logica mi dico che sono immotivate.
In ogni caso la ringrazio p
er la risposta, Le auguro una buona giornata.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

consultare un bravo psicologo non può che esserle utile nell'aumentare le sue capacità a controllare e a debellare un'eventuale ansia non motivata.

Cordiali saluti.