Utente 189XXX
vorrei un consiglio su varie problematiche di mia madre che compirà 82 anni a ottobre. Innanzi tutto è in cura da almeno 25 anni per un'ipertensione a volte incontrollabile e pertanto, con farmaci che cambiano sia per dosi che per tipologia, per ultimo 1 compressa di Giant, 1 di diuresix, 1 di unipril. Dagli esami di laboratorio da circa 5 anni o forse più si riscontra una piastrinemia con valori che si aggirano tra i 90 e 112 10^3uL (val. norm. 150-450). Il medico curante non ha mai dato molto peso a ciò, anche se non può prescrivere la cardio aspirina che sarebbe utile in quanto risulta dal doppler TSA una restringimento del lume dell’arteria carotide pari al 80%. Inoltre, si riscontra da 3-4 anni un valore di colesterolo totale leggermente superiore al limite 220-250 mg/dl (val.norm. <200), e nell'ultimo prelievo è stato anche rilevato il valore dei trigliceridi alterato 266 mg/dl (val. norm. <172) e colesterolo HDL 33 mg/dl (val.norm.>45). Da un paio di anni anche il valore dell'uricemia è superiore al limite 8-9 mg/dl (val.norm. 2,4-5,7). Infine sempre nell'ultimo referto si riscontra azotemia 54 mg/dl (val.norm 15-50) e creatininemia 1,39 mg/dl (val. norm.<0,9). Il cardiologo vorrebbe che assumesse zyloric per controllare l'uricemia e lovastatina per il colesterolo e il sermion per favorire la circolazione cerebrale, ma anche su consiglio di un neurologo che l'ha seguita per un piccolo episodio di ischemia cerebrale, non ha assunto tali prodotti. La settimana prossima farà una visita di controllo dal cardiologo e sono sicuro che ribadirà la prescrizione di questi ultimi farmaci ed in più ci sarà da valutare i valori dell'azotemia e della creatininemia.
So benissimo che a quasi 82 anni alcuni valori non sono da considerare e comunque potrebbero rientrare nella normalità, ma è il caso di riempirla di farmaci? Ho provato con qualche integratore o fitofarmaco fai da te o consigliato da una farmacia, senza grossi risultati (capsule di estratto di melograno dell'optima- capsule di normolip- capsule di omega 3) o anche capsule di mirtillo e in questi ultimi giorni gocce di artiglio del diavolo e betulla in quanto non riesce più a camminare correttamente per un forte dolore alla gamba sinistra soprattutto all'altezza del ginocchio.
[#1] dopo  
Dr. Sandro Morelli
28% attività
8% attualità
16% socialità
VELLETRI (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2007
Complimenti per la meticolosità quasi maniacale con cui si prende cura di sua madre, sarebbe forse più semplice affidarsi ad un bravo medico. D'accordo che oramai, nell'era di internet, possiamo sapere molte cose, ma dal medico è meglio. Se pensa di farsi curare con medicine naturali da un omeopata, lo consulti e si affidi a lui perché ci sono molte possibilità di curare sua madre per questi primi "acciacchi della vecchiaia".
Un consiglio a parte, la faccia bere di più e la faccia camminare, già questo potrebbe essere sufficiente.
[#2] dopo  
Utente 189XXX

Iscritto dal 2011
Capisco solo in parte la sua gentile risposta. Se per maniacale intende l'avere riportato quanti più dati possibili l'ho fatto per rendere il quadro più completo per una migliore comprensione. Poi è logico che viene seguita da un medico che ritengo bravo, e naturalmente, tutte le prescrizioni e gli esami di laboratorio sono sempre stati prescritti dal medico o dal reparto ospedaliero dove è stata ricoverata. Per ultimo anche i rimedi omeopatici e fitoterapici sono stati consigliati da una dotteressa omeopata che 2 volte la settimana fa delle prescrizione presso una farmacia. Nulla ho attinto autonomamente da internet se non il suo illuminato parere.
La ringrazio comunque.