Utente 151XXX
Gent.mi Dottori,
ieri ho effettuato un intervento di legatura elastica (una sola legatura, da quello che mi è stato detto dal chirurgo). Fatto in day hospital. Nella serata di ieri ho avuto qualche fastidio abbastanza accentuato, tanto da aver preso un OKI come da consiglio del medico chirurgo prima di andare a dormire. Stamattina avendo ancora qualche fastidio, tanto da essermi svegliato molto presto. Il fastidio consisteva nel sentire come lo stimolo di evacuare, senza chiaramente dover andare realmente in bagno. Dopo colazione ho preso una Tachipirina (una compressa 500mg), al posto dell'OKI, per non abusare troppo di antidolorifici.
Nel tardo pomeriggio sono riuscito ad andare in bagno. Premetto che non sono riuscito prima, poichè il giorno dell'intervento (venerdì) sono stato a digiuno tutto il giorno e nei due giorni antecedenti ho seguito una dieta prettamente liquida.
Dal pomeriggio di oggi, stranamente non sento più nessun tipo di fastidio, se non qualche sentore di rado. Ho paura che nell'evacuazione possa essersi spostata o rimossa la legatura, sarebbe possibile? Le feci erano piuttosto morbide e non abbondanti.
Oppure è normale che a distanza di 24 ore e dopo aver preso OKI (ieri sera) e Tachipirina (stamattina), questa sensazione si sia attutita da sola e quindi è già un "ricordo"?

Il chirurgo mi ha detto che normalmente l'elastico dovrebbe cadere con la necrosi entro 10/15 giorni, anche se in rete ho letto di tempi più brevi (7/8 giorni). Il controllo lo dovrò fare tra 10 giorni, però volevo sapere se non sentendo già più nessun fastidio, sono nella normalità di questo intervento e non (fortunatamente) nella straodinarietà dei casi che riportano complicanzioni e dolori continui, oppure se è piuttosto strano e quindi è il caso di fare un controllo prima dei 10 giorni preventivati alle dimissioni dal day hospital. Concludo dicendo che non ho difficoltà a stare seduto e/o in piedi.

Vi ringrazio molto per la vostra attenzione per la cortesia che sempre avete con noi "pazienti", poco pazienti!
Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signore

entrambe le sue ipotesi sono possibili. C'è la possibilità che il dolore sia limitato e l'assunzione di antidolorifici lo stia coprendo o che ci sia stata una dislocazione dell'elastico. Normalmente questo evento, seppur possibile risulta più raro. La certezza tuttavia si può avere solo riuscendo a controllare direttamente il nodulo trattato. Le consiglio quindi, persistendo il suo dubbio di effettuare una visita di controllo.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 151XXX

Iscritto dal 2010
Gent.mo Dr. Nardacchione,
la ringrazio per la sua risposta e le sue indicazioni.
Sinceramente ogni tanto sento ancora delle piccole fitte nella zona trattata, soprattutto stando seduto.
Proverò a non assumere antidolorifici, per capire se l'effetto della non sensazione del fastidio è dovuto a quello oppure ad altro. Ovviamente prima di pensare ad una visita di controllo in anticipo rispetto ai tempi previsti, proverò anche a consultare il chirurgo che mi ha operato per capire se è necessario fare un controllo in tempi più rapidi.
La ringrazio ancora. Buona serata.
Saluti.