Utente 291XXX
Buon giorno,soffro da anni di carenza di ferritina a causa di un cilo mestruale emorraggico:assumo attualmente la pillola anticonc.Klaira(l'unica che non mi dà formicolii..) le perdite sono minori,ma dopo circa 1 anno di assunzione,mi ritrovo nuovamente spossata,con unghie e capelli fragili.Ho difficoltà a tollerare gli integratori di ferro a livello intestinale(dolori e crampi addominali,gonfiore,stitichezza totale-soffro anche di problemi emorroidali-) Mi sono informata sull'assunzione della spirulina e mi pare un rimedio da provare,ma non trovo informazioni sulla compatibilità tra l'assunzione di quest'alga e quella della pillola anticoncezionale. Spero possiate aiutarmi a dissipare i dubbi e a vivere più attiva e in forma. Vi ringrazio per l'attenzione e per il srevizio svolto. Saluti.
[#1] dopo  
Dr.ssa Valentina Pontello
52% attività
16% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

esistono diversi integratori ben tollerati (ad esempio il ferro in liposomi o legato alle proteine del latte) e prodotti a base di ferro di origine vegetale.
La spirulina è un'alga che contiene vitamine, non è nota la possibile interazione con la pillola.
Se il suo ginecologo le consente questa associazione, può provare a fare così: per un paio di mesi utilizza in associazione un altro metodo (ad esempio il preservativo), ed esegue una ecografia pelvica, per confermare che le ovaie sono ferme e non ci sono ovulazioni.

Assocerei anche una moderata attività sportiva, che aiuta ad avere un livello di energie migliore, ed una alimentazione sana (in particolare i legumi possono aiutare sempre sul discorso ferro).

Se nonostante la pillola, i livelli di ferro non dovessero migliorare, un'alternativa può essere l'inserimento di una spirale medicata, che riduce notevolmente la quantità del flusso, che può diventare praticamente assente.