Utente 316XXX
Salve a tutti! Sono un nuovo utente e vorrei informazioni riguardo il mio problema. Ho 44 anni, sono alto 175 cm e peso 110 kg. Devo subire un intervento di colecistectomia per colelitiasi, con un calcolo di 2,5 cm di dimensioni situato all'interno della cistifellea (non nei dotti biliari!!). So che questo tipo di intervento si effettua solitamente in anestesia generale, ma essendo un tipo abbastanza ansioso e anche a causa della mia costituzione, preferirei di gran lunga effettuarlo in anestesia spinale-epidurale.. detto ciò, desidererei tanto, gentilmente, sapere se esistono dei centri IN SICILIA che effettuano questo tipo di intervento in anestesia spinale o epidurale. Un saluto e grazie mille a tutti!! Attendo le vostre risposte!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Buonasera e benvenuto su Medicitalia.it
L'intervento cui deve essere sottoposto non può essere eseguito con il blocco nervoso centrale richiesto (spinale e/o epidurale) ma solo in anestesia generale. Non potrebbe essere eseguito se fosse fatto con l'oramai superato taglio sottocostale per via laparotomia men che meno con la tecnica chirurgica attualmente utilizzata da tempo: quella video-laparoscopica per motivazioni tecniche molto precise.
Condivido la sua preoccupazione per il fatto di essere in sovrappeso anche se senza altri dati clinici è difficile inquadrare la sua classe di rischio anestesiologico. Tuttavia saprà che prima dell'intervento verrà fatta una visita preoperatoria anestesiologica dove verranno controllati esami chimici di laboratorio, ecg, eventualmente Rx torace e sottoposto a visita clinica dal collega che valuterà tutti i reali fattori di rischio perioperatori in modo da poter agevolmente fronteggiare qualsiasi evenienza avversa dovesse verificarsi. Suo compito sarà anche quello di tranquillizzarla per farla arrivare all'intervento nelle migliori condizioni, anche psicologiche, possibili.
Cordiali saluti