Utente 208XXX
salve buonasera dottore,
ancora una volta in pochi mesi mi è capitato che quando sono con una ragazza non ho alcuno stimolo sessuale e non riesco a raggiungere in alcun modo l'erezione e/o a mantenerla.
Sono in cura psichiatrica con diversi farmaci: 20 mg di Paroxetina 1000 mg di Dapakin Chrono e 1 compressa di mutabon antidepressivo, ma il problema è che provo ad eseguire della semplice masturbazione non ho alcun tipo di problema tanto nel mantere un ottima erezione nè nel riuscire a raggiungere un orgasmo/ iaculazione.
Che mi consiglia di fare?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,dovrebbe convincersi che un calo sessuale,temporaneo emsituazionale,cioè in corso di coito e non nella masturbazione,può essere presente sia in maschi in terapia psichiatrica,che non.Le consiglio,quindi,di soprassedere per un po' e,se il quadro clinico non si modifica,di ricontattare l'andrologo di riferimento.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

i farmaci che lei assume potrebbero avere un effetto "secondario" sulla libido e sulla capacità di indurre-avere una erezione solo con stimoli diciamo emotivi-sessuali-erotici. Ben diversa la situazione se il suo pene venga stimolato direttamente dalle sue dita o dalle dita di una donna, Il meccanismo vascolare arterioso si "mette in moto" anche in assenza di stimoli erotici per l'attivazine del sistema nervoso parasimpatico determonando una erezione che dura e i può accentuare fintanto che lo smilolo persiste ma che, magari, tende a diminuire appena le dita (sue o della donna) interrompono la stimolazione.
Il sospetto che possa avere una disfunzione vascolare potrebbe essere avavnzato anche se, prima, dovrebbe cercare di risolvere o, almeno, stabilizzare i suoi problemi psichiatrici
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
Non posso che ringraziarvi per la tempestiva risposta.
Tendo a specificare che ho solo 28 anni e nonostante sia in cura psichiatrica per un sospetto disturbo bipolare da diversi anni, tali problematiche di natura sessuale sono comparse solo nell'anno.
La mia situazione psichiatrica è decisamente stabile e mi consente una vita normale, ancor più da quando ho introdotto il dapakin.
Ovviamente vi lascio immaginare le ripercussioni che possono avere una disfunzione erettile in qualsiasi nuova relazione che instauro.
Sono già stato in visita da un andrologo il quale ha escluso problemi di valicocele.
Sicuramente ne parlerò con la mia psicologa/psichiatra ma Vi chiedo la cortesia di aiutarmi a capire cosa fare e come agire a livello pratico.
Grazie ancora per cortesia e disponibilità.
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Mi associo alle preziose risposte dei Colleghi.

Se è già stato dall' andrologo il quale ha escluso cause organiche, forse dovrebbe investigare le cause psichiche correlate al d.e, che sono veramente tante e tali da poter correlare al suo disturbo bipolare.

Forse c' è qualcosa di profondo che non le consente di vivere serenamente la sua vita intima, ma di questo dovrebbe discuterne con chi la segue per l' aspetto psicologico.

L' esclusione di cause organiche non esclude automaticamente quelle psichiche.

Le allego un canale salute sull' e,p e le sue cure ed altri articoli correlati

http://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile