Utente 118XXX
buongiorno
a causa di un periodo di forte ansia, sto soffrendo di gastrite. la gastroscopia ha dato esito di gastropatia diffusa, esofago normale, cardias incontinente.
le benzodiazepine che mi sono state prescritte per l ansia mi hanno peggiorato i sintomi da reflusso, e gli inibitori, che ho smesso, mi hanno dato non pochi effetti collaterali (mal di stomaco, difficolta' digestive, vertigini)
ho iniziato ad assumere il colostro in capsule da qualche giorno e sembra che funzioni sui bruciori di stomaco, oltre ad una dieta che si compone di piccoli pasti leggeri.
posso associare anche un integratore di vitamine del gruppo b e del magnesio? in passato mi avevano giovato sia per aumentare un po l energia che in qs momento e' assai scarsa sia sui sintomi di ansia, o e' troppo? grazie mille delle risposta
[#1] dopo  
Dr. Andrea Martinez
24% attività
8% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
>L'energia è scarsa : mi chiedo se dorma abbastanza o se i suoi disturbi incidano anche sulla qualità o la quantità del sonno.
Ha smesso anche di assumere benzodiazepine ?

Se nella sua storia sia la gastrite e l'ansia durano da diverso tempo può considerare l'idea di affrontare la malattia cronica con una cura omeopatica. Il medico, prendendo in considerazione l'insieme dei suoi sintomi e della sua costituzione può indicare le medicine che attenueranno le diverse sfaccettature del problema allo stesso tempo (ansia, gastrite, ... ) fino alla risoluzione.

[#2] dopo  
Utente 118XXX

Iscritto dal 2009
grazie della risposta dottore. ha centrato il problema.
dormo perche' prendo le gocce, ma faccio fatica comunque ad addormentarmi e di giorno, vuoi perche dormo cosi cosi, vuoi sto problemi digestivi sono sempre stanca.
in realta' tre anni fa, fatta la terapia eradicamte e una cura omeopatica con causticum come rimedio unico, ne ero uscita. e in questo periodo ero stata bene.
tre mesi fa all esordio dei sintomi della gastrite ( e dell ansia) avevo cercato di correre ai ripari andando dallo stesso omeopata, ma non ho ottenuto risultato, anzi i sintomi sono andati via via peggiorando, facendomi trovare in una situazione veramente spiacevole.
le benzodiazepine le sto prendendo da un paio di mesi circa ( prescritte da psichiatra)
ho contattato telefonicamente l omeopata il quale mi ha suggerito di affiancare argentum nitricum, le diro visti i precedenti, non so che fare.
il colostro sta comunque avendo qualche effetto sui bruciori e sullo stomaco, per quello le chiedevo se potevo associare anche il magnesio.
mi puo' dare una mano? se non risolvo almeno un po il problema dello stomaco l ansia non se ne va.. una specie di circolo vizioso da cui fatico a uscire.
sono comunque in attesa di risposta su biopsia per sapere se sono nuovamete positica all helicobapter, anche se non so nemmeno se rifarei la cura antibiotica. grazie mille dell aiuto
[#3] dopo  
Dr. Andrea Martinez
24% attività
8% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Può prendere le vitamine del gruppo B senza controindicazioni.

Se c'è stata una recidiva della gastrite e non è stato efficace lo stessa medicina omeopatica vuol dire che non è quello il suo rimedio costituzionale e il caso va rivalutato.

Prosegua con il colostro e le benzodiazepine e provi ad assumere Nux vomica 5 CH , due granuli tre volte al dì, come integrazione.
[#4] dopo  
Utente 118XXX

Iscritto dal 2009
grazie mille dottore, e' stato davvero gentile
se dovessi risultare nuovamente postiva al batterio io non e la sento di rifare gli antibiotici, lei che ne pensa?
[#5] dopo  
Utente 118XXX

Iscritto dal 2009
dottore scusi ma leggendo le caratteristiche di argentum, mi ci sono ritrovata completamente, la fretta, l ansia anticipatoria, il cioccolato ( che non so piu cos e' da quando ho sta gastrite) le vertigini...che ne dice? grazie mille ancora
[#6] dopo  
Dr. Andrea Martinez
24% attività
8% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Se vuole percorrere la via della guarigione dovrebbe rivalutare il suo caso insieme al suo medico di riferimento: Argentum nit. potrebbe - come il Causticum - risolvere l'episodio ma per una guarigione dolce e sicura è necessario non solo trovare il Suo simillimum , c'è bisogno anche di individuare la dose giusta ( CH, K, LM ) e i tempi delle ripetizioni.



[#7] dopo  
Utente 118XXX

Iscritto dal 2009
il problema dottore e' che avevamo provato inizialmente con lachesis, che mi aveva dato problemi e poi siamo passati a causticum che era il rimedio che mi aveva aiutato tre anni fa.

ma la situazione non solo non si e' risolta ma anzi direi che si e' aggravata. ora, io non dico che sia stata colpa dell omeopatia, quanto piuttosto che i rimedi non siano stati in grado di fermare un processo in corso.
ma come mai un rimedio che ha fatto cosi bene una volta poi si rivela inefficace?

argentum mi e stato suggerito alla 7 ch tre granuli due volte al giorno. anche perche' ora dopo tre mesi non riesco ad avere la serenita' necessaria per fare altre "prove", adesso vorrei stare almeno un po' meglio, sia con lo stomaco, sia con l'ansia. una volta che ho ritrovato almeno un po' di serenita' , saro' pronta a riprendere il discorso.
grazie dell'ascolto maria
[#8] dopo  
Dr. Andrea Martinez
24% attività
8% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
La cura omeopatica è efficace quando personalizzata, non si può pensare che ansia + gastrite = Lachesis oppure Causticum, dipende dalle particolarità della malattia che si esprime nel malato, i miglioramenti/peggioramenti durante la giornata, i cambiamenti di gusto, la comparsa di sintomi a determinate ore o su un solo lato del corpo e così via.
E l'aggravamento è una delle possibili reazioni alla prima prescrizione e il paziente va istruito anche su questo: Il cambiamento del quadro può dipendere da diversi fattori, sia per altri farmaci con effetto di soppressione dei sintomi, come le benzodiazepine, gli antiacidi e via dicendo, sia per la ricomparsa di sintomi più "antichi" , con la metafora della 'cipolla' ovvero delle varie stratificazioni patologiche e farmacologiche del paziente che via via si sfogliano, e man mano si possono cambiare le prescrizioni fino ad identificare il rimedio costituzionale che si continuerà ad assumere come mantenimento.

Spero di aver contribuito a farsi un'immagine più chiara della complessità della Nostra fisiologia e della necessità di dover contribuire attivamente alla visita, facendo attenzione ai propri sintomi e alle proprie sensazioni prima di incontrare il medico.

Le auguro di trovare sollievo ai suoi sintomi in breve tempo, e di guarire al più presto.
[#9] dopo  
Utente 118XXX

Iscritto dal 2009
grazie mille dottore, chiara la sua spiegazione.
e la ringrazio tanto dell'augurio
buone e serene feste