Utente 787XXX
Gent.mo dottore,

sono in cura con la sertralina da circa 2 anni per una lieve depressione associata a Disturbo Ossessivo. Purtroppo soffro di artrosi cervicale che sovente mi porta ad avere un mal di testa non tollerabile e pertanto sono costretto a ricorrere agli analgesici.
Ultimamente prendevo il BRUFEN 600 mg che mi garantiva una buona risposta dal punto di vista analgesico. Via via con l'andare del tempo sono comparsi sintomi quali nausea, vomito, cefalea e vertigini che ricorrevano quasi tutte le sere e il mio psichiatra mi ha detto che questi effetti collaterali sono da ricondurre all'associazione della Sertralina con i FANS. Mi ha detto di assumere Paracetamolo al posto dei FANS.
Effettivamente ho interrotto l'utilizzo dei FANS e i problemi citati sono scomparsi.
Purtroppo però il PARACETAMOLO anche a dosi di 1000 mg si rivela scarsamente efficace per il mio organismo come analgesico e antinfiammatorio.
Esiste un farmaco più efficace che non presenta problemi di tollerabilità in pazienti che assumono SSRI (Sertralina nello specifico) ?
Inoltre, ci sono controindicazioni nell'uso della Sertralina con il DEURSIL (purtroppo sto curando anche una calcolosi biliare) ?

La ringrazio per la pazienza e per le sue preziose delucidazioni.
Cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Gabriele Tonelli
24% attività
0% attualità
12% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
L'associazione tra SSRI e FANS provoca un aumento del rischio di sanguinamento ed un aumento del rischio di gastrolesività dei FANS. Per cui non credo esista un FANS meno "a rischio" rispetto al Paracetamolo associato ad SSRI. Sul Deursil non ho dati, l'unica cosa che pare risultare da alcuni studi è che la somministrazione di Sertralina pare migliorare la sensazione di prurito legata alla colestasi.

Cordiali saluti

Gabriele Tonelli
[#2] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Mi permetto di suggerire all'utente che il Paracetamolo a scopo antalgico purtroppo necessita di dosaggi più alti che possono arrivare fino ai 3 grammi/die (1000 mg X 3 nelle 24h). E non superare comuque mai questa dose.
Ma proprio per questa fastidiosa algia cervicale un' ottima alternativa può essere rappresentata da sedute di Mesoterapia nelle quali farmaci antiinfiammatori, miorilassanti e anestetici locali a bassissimo dosaggio vengono inoculati localmente creando dei piccoli ponfi sottocute dove il coktail farmacologico sarà lentamente rilasciato nei giorni a seguire.
Il vantaggio indubbio è il bassissimo dosaggio di farmaci usati con l' assenza di effetti collaterali, la migliore tollerabilità a fronte di una ridotta interazione con altri farmaci assunti per via sistemica, sfruttando anche la analgesia determinata dalla stimolazione in ago-puntura dei punti trigger (del dolore).
Si ottengono dei risultati a volte sorprendenti dopo pochi minuti e al primo trattamento che può essere ripetuto se occorre a distanza di 7-10 gg.
Provi e ci faccia sapere.
Cordialmente
[#3] dopo  
Utente 787XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimi dottori,

Vi ringrazio per le vostre cortesi ed esaustive delucidazioni.

Al dottor Alvino chiedo se conosce qualche suo collega a Cagliari che pratica la Mesoterapia con successo e può magari consigliarmelo.

Ancora grazie.

a.