Utente 341XXX
Buonasera a tutti,
chiedo 1 informazione su alcuni problemi del mio ragazzo.
Fino ai 36 anni circa era un vero casanova ed un fenomeno in campo sessuale. Poi ha avuto 1 problemino di salute ed ha fatto un'operazione in artroscopia. Da allora è altalenante ed alcune volte non riesce ad ottenere l'erezione od a mantenerla. Ora ha 44 anni. Certe volte mi chiedo se quando va bene o benissimo ha preso qualcosa... Se affronto l'argomento, non mi lascia parlare; e se lo mando dall'urologo e/o dallo psichiatra scappa lontano. Cosa ne pensate? e cosa posso fare?
Vi ringrazio. Notte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utentequel qualcosa che pensa abbia utilizzato il suo partner,non più' ragazzo,
non va considerato come un minus per la sua femminilita',bensi' una conferma di uno stato di benessere fisico e sessuale che,magari,necessita di una maggiore continuita'che si puo' avere solo con la convivenza,senza incorrere nella ansia da prestazione propria dei rapporti programmati...non sereni.Il fatto stesso che riferisce anche rapporti molto validi,dovrebbe far si' che non insista affinché' si sottoponga ad una visita specialistica,sperando che il buon senso prevalga.Cordialita'
[#2] dopo  
Utente 341XXX

Iscritto dal 2014
Dr Izzo,
grazie per la sua risposta. Se ho capito bene lei pensa che sia "Ansia da prestazione" e null'altro. In effetti lo credo anch'io, è solo che certe volte litighiamo di brutto per questo e succede il finimondo... Quello che mi ha portato a far questa domanda su questo sito è che mi dice che prima si svegliava ogni mattina con l'erezione e faticava a nasconderla...ora "non lo trova"... è normale?
Grazie
[#3] dopo  
Utente 341XXX

Iscritto dal 2014
Ed inoltre dice che ormai ha più di 40 anni ed è finito, ecc... Certe volte dice che quando ha fatto l'intervento al femore gli hanno messo il catetere ed è cambiato tutto. Io sono 1 donna e non sono 1 dottore. I tempi coincidono, ma non sò se c'entra qualcosa.
In ogni caso la ringrazio per la sua disponibilità e cortesia.
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...le erezioni spontanee,mattutine o notturne,non hanno alcun valore ne' diagnostico ne' prognostico.Se non vuole rovinare il rapporto interpersonale,consiglierei di astenersi da qualsiasi commento e...sospetto.Cordialita'
[#5] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Cara lettrice,

cercare di indagare sulla funzione erettile di un maschio senza la sua collaborazione è molto difficile se non impossibile.
Cerchi di "lavorarlo ai fianchi" con dolcezza tanto da convincerlo a farsi vedere da un andrologo a cui potrà riuscire di capire la origine e causa della disfunzione erettile
Cari salutiu
[#6] dopo  
Utente 341XXX

Iscritto dal 2014
grazie
In effetti il caos succede quando lui riversa i suoi problemi su di me. Per il resto non ho mai parlato più del necessario. Anzi sono stata molto zitta. In ogni caso, grazie a tutti. Notte.
E grazie ancora