Utente 102XXX
Egregi medici,
ho 27 anni ed ho sempre avuto un ciclo tendenzialmente regolare. Dall’anno 2008 ad agosto 2014 ho assunto la pillola Yasminelle.
A settembre 2014 ho avuto il primo ciclo dopo la sospensione dell’anticoncezionale, che si è presentato con un ritardo di circa due settimane, come so essere frequente ed usuale in tali circostanze.
Da settembre a febbraio il ciclo è stato regolare, con mestruazioni ogni 28-30 giorni. L’unico fatto che avvertivo come anomalo nei primi mesi post interruzione era costituito dall’assenza dei classici dolori mestruali, che avvertivo prima di iniziare ad assumere la pillola e che in costanza di essa erano quasi completamente spariti. Questo fatto mi ha creato qualche perplessità, ma ho aspettato qualche mese per verificare se i dolori sarebbero tornati dopo un primo periodo di assestamento post interruzione della pillola.
Ho avuto l’ultima mestruazione il 1 febbraio 2015, ed in quell’occasione si sono manifestati nuovamente gli ordinari classici dolori mestruali. Da quella data tuttavia il ciclo non è più tornato. Il ritardo ormai supera il mese, essendo trascorso inutilmente il mese di marzo. Oggi, al primo di aprile, non ho nessun presagio di un’imminenza del ciclo. Mi è capitato nei giorni scorsi, come anche qualche settimana fa, di avvertire dei dolori alle ovaie simili a quelli che caratterizzano l’ovulazione.
Sto vivendo un periodo di stress e abbattimento psicologico, pertanto in un primo momento ho imputato il ritardo a questo fattore. Tuttavia oramai mi pare che più che di ritardo si possa parlare di salto o addirittura blocco del ciclo. Per mero scrupolo ho eseguito un test di gravidanza risultato negativo. Ho preso appuntamento per una visita ginecologica, cui mi sottoporrò tra 15 giorni. Nel frattempo mi piacerebbe avere da Voi qualche indicazione, impressione sulle possibili cause di questo ritardo.
RingraziandoVi.
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Le situazioni che portano ad irregolarità del ciclo mestruale sono molteplici: dall'anemia sideropenica ( carenza di ferro) , alterazione della funzionalità tiroidea, a iperprolattinemia da stress psico - fisico , ect .
Come vede sono tutte situazioni che vanno valutate eseguendo esami ed indagini adeguate.
SALUTI
[#2] dopo  
Utente 102XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dottore,
mi sono sottoposta ad una visita ginecoogica nell'ambito della quale mi è stata prescritta l'esecuzione di un'ecografia transvaginale.
la situazione di assenza del ciclo mestruale nel frattempo è rimasta invariata, con ultima mestruazione risalente al 1 febbraio.
Le riporto l'esito dell'esame ecografico, confidando in una Sua spiegazione.
il medico che ha eseguito l'esame mi ha dato qualche indicazione abbastanza limitata rispetto alle problematiche rilevate.
Esito:
uteri di mm 82x40x43, regolare per morfologia ed ecostruttura solo lievemente disomogenea
echi endometriali di mm 8.1, aspetto secretivo con profilo regolare e margini conservati
ovaio dx di mm 34x19 con immagine come cisti funzionale di mm 21 ed altri 10 follicoli di pochi mm.
ovaio sx di mm 34x19x30 con 28 follicoli inferiori al cm
non evidenti masse cistiche o solide.
Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Quella " cisti funzionale " di 21 mm potrebbe essere un follicolo ovulatorio, e quindi di preparazione aduna ovulazione e quindi mestruazione.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 102XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dottore, La ringrazio per la risposta.
La dottoressa che mi ha visitata mi ha prescritto, raccomandandomi di assumerlo dopo aver eseguito gli esami (ecografia e valori ormonali), dufaston 10 mg, 1 compressa la sera per 5 giorni.
alla luce dell'esito dell'ecografia, ritiene che ne sia indicata l'assunzione?
ancora vorrei chiederle, l'esito dell'ecografia indica un ovaio policistico?
il medico mi è parso fare allusioni in tal senso..perdoni se abuso della Sua pazienza, ma potrò far pervenire gli esami alla ginecologa soltanto tra dieci giorni.
allego per maggior completezza i risultati degli esami del sangue sui valori ormonali:
P- GLUCOSIO 74 mg/dL
P-CREATININA 0.74 mg/dL
P-ASPARTATO-AMINOTRANSFERASI (AST) 19 U/L
P-ALANINA-AMINOTRANSFERASI (ALT) 13 U/L
TSH 3.27 uU/mL
FSH 4.85 mUI/mL
S-PROLATTINA 10.48 ng/mL
S-17 BETA-ESTRADIOLO 224.3 pg/mL
La ringrazio se vorrà darmi qualche delucidazione.
[#5] dopo  
Utente 102XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera,
riprendo questo consulto perché, a distanza di tre mesi, mi ritrovo nuovamente con problemi di ritardo del ciclo - amenorrea.
riassumo brevemente per evitarvi di dover leggere le mie vicende pregresse:
ho 27 anni. Per 7 anni ho assunto la pillola Yasminelle, sospendendola ad agosto del 2014.
Prima dell’assunzione il mio ciclo era tendenzialmente regolare.
Dopo l’interruzione ho avuto cicli regolari sino a febbraio 2015.
Nei mesi di marzo ed aprile invece il ciclo mestruale non è comparso.
Ad aprile mi sono sottoposta ad una visita ginecologica, ho eseguito un’ecografia transvaginale ed esami per la rilevazione dei livelli ormonali - i cui esiti sono riportati nei messaggi precedenti-.
Dall’ecografia, a detta della dottoressa, emergeva la presenza di uno squilibrio nell’ovulazione, ma i valori ormonali erano buoni e compatibili, così come la stessa ecografia, con un’ovulazione in atto.
Ho assunto comunque per 7 giorni una compressa di dufaston e per un periodo più lungo l’integratore synopol ed alla fine del mese di aprile è tornato il ciclo.
Nei mesi di maggio e di giugno il ciclo è stato regolare.
Ora però torna a ritardare, in quanto attendevo il flusso per venerdì scorso. Temo che si stia ripresentando di nuovo l’amenorrea e come era accaduto nei mesi di assenza sto soffrendo di acne più accentuato del solito.
Se il ciclo non dovesse arrivare, cosa mi consigliate di fare? Attendere o prenotare nuovamente una visita?