Utente 377XXX
Salve,
prima di porre la mia domanda vorrei illustrare la mia situazione.
Ho avuto un ciclo regolare il 6 febbraio, accompagnato negli ultimi giorni prima del nuovo ciclo, da una perdita di muco scuro e decimi di febbre. Questo mi ha spinto a richiedere un consulto alla mia ginecologa, la quale in seguito ad un'ecografia interna ha trovato un possibile corpo luteo, non essendo sicura di ciò e credendo si trattasse di una ciste ovarica mi ha consigliato di eseguire le analisi ormonali di FSH, LH, e 17 beta estradiolo al terzo giorno del ciclo, e una nuova ecografia interna a ciclo terminato. Le mestruazioni nel mese di marzo sono state puntualissime (5 marzo), accompagnate da forti dolori e tensione al seno come è il mio solito, ho notato però che il flusso aveva un colore diverso, un rosso molto più vivido (falsa mestruazione?). Come prescritto ho eseguito le analisi ormonali che sono risultate nella norma, in particolare l'estradiolo era al disotto dei valori normali; e nell'ecografia interna successiva al ciclo non è stata riscontrata nessuna ciste, perciò la ginecologa mi ha confermato si trattasse del corpo luteo. Nel mese di marzo non ho avuto nessuna perdita ma dei dolori pelvici intorno al 15-18 giorno dal ciclo, il che lascerebbe pensare all'ovulazione, anche perchè spesso soffro di dolori in quel periodo. Ora però ho due giorni di ritardo del ciclo( atteso l'1 aprile), e nessun dolore o tensione al seno, che ripeto per me è normale. Per questo motivo sono preoccupata, è possibile che anche in seguito a queste analisi/ ecografie sia sfuggita una possibile gravidanza, e che non riesca ad interpretare correttamente i miei sintomi?
Grazie mille per l'attenzione

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente , non mi ha riferito se adotta un metodo contraccettivo , se il rapporto sessuale è accaduto in periodo ovulatorio.
Nel caso di un rapporto senza alcuna protezione contraccettiva o adottando il "coito interrotto, deve sempre sospettare una possibile gravidanza ( non lo dico per allarmarla !)
Giustamente mi fa presente il risultato dell'ecografia , ma dovrei ribattere chiedendole ,quando ha avuto il rapporto? in quale periodo del ciclo ormonale ?
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 377XXX

La ringrazio per la risposta, ma solitamente io e il mio partner abbiamo almeno un rapporto a settimana perciò non ricordo con precisione la data che possa essere incriminata. Per quanto riguarda il metodo contraccettivo utilizziamo il preservativo ma delle volte il primo minuto del rapporto avviene senza, per poi appunto utilizzarlo fino al completamento, perciò non lo definirei "coito interrotto" ma, forse, comunque rischioso.

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Le confermo che il modo (non corretto) di usare il preservativo equivale ad un coito interrotto e per questo è importante eseguire un test di gravidanza.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 377XXX

Grazie mille per la disponibilità, eseguirò il test domani mattina!