Utente 278XXX
Buona sera dottori, sono un uomo di 30 anni che ha utilizzato per circa otto anni finasteride 1mg al di per la la cura dell'alopecia androgenetica. L'anno scorso, sotto consiglio medico, ho dovuto cessare l'assunzione per una sospetta Ginecomastia; dopo 3 mesi di sospensione la situazione è notevolmente migliorata.
Oltre alla sospensione del farmaco ho anche smesso, per una maggiore sicurezza personale, di utilizzare cibi contenente soia. Infatti, era solo da un anno che assumevo quotidianamente latte e 3-4 volte alla settimana cibi con essa contenuti ( principalmente seitan). Sottolineo che è stato una premura personale in quanto non avevo neanche comunicato al medico l'assunzione di soia e, solo dopo aver letto qualche articolo su internet, ho deciso di sospenderne l'assunzione.

Vi scrivo perchè all'ultimo controllo dermatologico mi è stato consigliato dal dottore un integratore: " FORTI 5 NUTRITIONAL SUPPLEMENT" da assumere per 3 mesi. Questo integratore contiene un quantitativo giornaliero pari a 300 mg isoflavoni di soia oltre ad altri principi attivi.
Nello specifico la tabella nutrizionale riporta in merito degli isoflavoni le seguenti indicazioni:

Soy Isoflavones Are shown to provide activation of aromatase enzyme involved in the conversion of testosterone into estrogens. They are:

-5-alpha reductase inhibitors to help block DHT
-Antioxidants to help prevent oxidative stress-induced aging of the hair follicle
-Increased SHBG levels. Low levels of SHBG are known to be associated with Male and Female Pattern Baldness

Supplement Facts – Serving size: 2 Capsules
Vitamin D (as cholecalciferol)
Amount per serving 00 I.U.
% Daily Value 50% Soy Isoflavones (seed) Extract
Amount per serving 300 mg
% Daily Value * (Sandardized to 40% Isoflavones)


Non mi è chiaro per niente il discorso dell'aromatasi e quindi della conversione di testosterone in estrogeni.
Io ho sofferto di Ginecomastia, il fatto di assumere un integratore con ISOFLAVONI DI SOIA ( indicati al 50% del fabbisogno quotidiano ) anche solo per 3 mesi, potrebbe provocarmi qualche azione recidivante ????

Sinceramente non sono cosi tranquillo a iniziare l'assunzione di questo integratore.


Ringraziandovi per qualsiasi consiglio e chiarimento possiate fornirmi
cordialmente vi saluto

le indicazioni in inglese che ho trascritto le ho riportate dal sito internet dell'integratore :http://forti5.com/





Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il buonsenso consiglia di non iniziare l'assunzione dell'integratore in oggetto.Cordialita'
[#2] dopo  
Utente 278XXX

Iscritto dal 2012
Buon giorno dottore, grazie mille per la cortese risposta.

Volevo chiederle alcuni chiarimenti; ho letto che gli isoflavoni hanno proprietà positive nell'uomo soprattutto per quanto concerne la prevenzione di tumori della prostata e la "ricrescita dei capelli".
Nel mio caso molto probabilmente la ginecomastia è stata causata da Finasteride e non dalla soia che assumevo.

Leggendo la composizione dell'integratore non capisco cosa significhi questa trascrizione :

Soy Isoflavones (seed) Extract
Amount per serving 300 mg
% Daily Value *
(Sandardized to 40% Isoflavones)


-"Semi " e " standardizzato al 40% di isoflavoni " cosa significa ???

- dei 300 mg solo il 40 % sono isoflavoni ??? ( quindi 120 mg)

Il dermatologo mi ha dato per certo che con questo integratore riuscirò a fermare le calvizie e vorrei capire se assumendolo vado incontro ad un pericolo reale e concreto.

-Come ha scritto lei il " buonsenso consiglia di non iniziare l'assunzione dell'integratore", ma, mi chiedo, SAREBBE POSSIBILE ASSUMERE UN INTEGRATORE CON UNA % DI ISOFLAVONI PIU' BASSA ???

Mi scusi dottore se posso risultare pesante ma vorrei cercare di tenermi i capelli e non avere problemi di altra natura.


Ringraziandola per l'attenzione e il tempo dedicatomi
cordialmente la saluto


[#3] dopo  
Utente 278XXX

Iscritto dal 2012
Mi scusi dottore ma mi sono accorto di non averle detto una cosa importante.

Nei 3 mesi dove ho sofferto di ginecomastia ho effettuato diversi esami ormonali:

-Testosterone
-FSH
-LH
-17 beta estradiolo
-Prolattina ( eseguite in tre prelievi a distanza di 15 minuti l'uno dall'altro)
-Alanina aminotrasferasi ALT
-GGT
-gonadotrop corionica HCG,

e sono risultati sempre nella norma. Infatti l'endocrinologo aveva escluso aromatasi.

L'unico valore che ho riscontrato elevato era riferito al 17 OH progesterone: 311 ng/dl ( v.n. 50-240) ed mi era stato detto che molto probabilmente poteva dipendere da una condizione genetica : sospetto deficit enzimatico nella catena di produzione degli ormoni steroidei. Per questo sono il lista per esame genetico.
Cmq mi era stato detto che non dipendeva da finasteride.