Utente 386XXX
Gentili dottori, vorrei porre alla vostra cortese attenzione la mia situazione. A giugno dello scorso anno a 21 settimane ho avuto un aborto spontaneo le cui cause mi sono ancora sconosciute, anche se il ginecologo di allora non mi aveva mai fatto cervicometria ne' prescritto un tampone vaginale. Ebbi all'epoca già dal secondo mese e per diverse volte perdite ematiche che all'occorrenza trattavo con prontogest e riposo. Ora sono nuovamente in attesa alla 20+2, non ho mai avuto perdite e il nuovo ginecologo mi tiene in cura con cardioaspirina, lentogest e magnesio oltre ai tamponi mensili che fin'ora hanno evidenziato la presenza di streptococco b e successivamente enterococco fecale che sto trattando con chemicetina. Purtroppo durante l'ultima visita il collo dell'utero era di 32 mm per cui ora sono a riposo con pasticche di spasmex e magnesio. Ad oggi non ho mai avvertito una contrazione solo qualche spasmo in vagina e sensazione di pancia pesante. Sono spaventata che possa verificarsi di nuovo l 'episodio dello scorso anno. Il ginecologo non vuole praticarmi il cerchiaggio per paura di scatenare altre infezioni. Ho appreso dal sito che si potrebbe fare anche un pessario cervicale che sarebbe meno invasivo. Chiedo a voi un parere sulla questione sia per quanto riguarda l 'efficacia dello spasmex e magnesio sia per la questione del cerchiaggio o pessario..e a chi eventualmente potermi rivilgere per quest'ultimo. Grazie in anticipo per l'attenzione e la risposta.
[#1] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro
48% attività
8% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile utente, le terapie hanno un senso ed una efficacia solo se indicate. I parametri che ha postato non consentono di eseguire una diagnosi di incontinenza cervicale, così come lei ha intitolato il post, per cui i trattamenti da lei elencati non avrebbero effetto e la esporrebbero, tra l'altro, a rischi non giustificati nè giustificabili.


Saluti