Utente 230XXX
Buonasera,

il mio compagno ha un bambino di 9 anni che oggi è stato portato dal dentista per una carie che gli aveva mangiato mezzo premolare da latte. Il dentista (che preciso, io non stimo ne ammiro) ha deciso di curare la carie ed inserire all'interno dello scheletro del dente una medicazione "al fine di devitalizzare (un dente da latte?) il dente.
Questo pomeriggio al bimbo si è gonfiata la guancia e aveva dolore.
Adesso ci è stato comunicato dal dentista che lui sospetta che il bambino (che non ha assolutamente nessun altro tipo di problema, se non la golosità) sia diabetico. Non ci sono casi di diabete in entrambe le famiglie e il bimbo non manifesta altri sintomi alcuni.
A me quella del dentista è sembrata un'affermazione gratuita e inutilmente allarmista.
Ma io non sono un medico: chiedo dunque se sia davvero possibile guardare i denti di un bambino e capirne la sua malattia da diabete.
Grazie anticipatamente per il consulto.
[#1] dopo  
Dr.ssa Giulia Bernkopf
28% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2014
Buonasera.
Sono anch'io perplessa: non resta che chiedere al collega su cosa si basa il suo sospetto.
Di certo non si basa sull'evoluzione del problema dente deciduo.
Se un dente deciduo presenta una carie penetrante , se si decide che é strategico mantenerlo, perché nel caso specifico la permuta è ancora lontana (lo si deduce da una radiografia) é corretto procedere ad una trattamento endo-odontico, le cui caratteristiche (pulpotomia o pulpectomia) dipendono dalla situazione del dente stesso.
Se però " al bimbo si è gonfiata la guancia e aveva dolore" il problema si affronta riconsiderando quanto è accaduto nell'ambito del dente stesso. Ancora una volta , una radiografia (oltre ad un occhio clinico attento) dirime ogni dubbio e ne evita di assurdi.
Forse è il caso di sentire una seconda opinione.
Cordiali saluti

[#2] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
sicuramente il bambino adesso ha in corso un ascesso odontogeno che andrà curato con terapia antibiotica;
bisognerà inoltre reintervenire sul dente per rimuovere il medicamento e la polpa necrotica, disinfettare le radici e ricostruire la corona.
La presenza di una carie non è indicativa e non lascia sospettare nemmeno che il paziente sia diabetico: sono altri i segni ed i sintomi per arrivare ad una diagnosi di diabete giovanile, oltre agli esami di laboratorio per una conferma.

Cordiali saluti