Utente 246XXX
Gentile medico,
cerco di spiegare la mia situazione. Sono un'atleta di 25 anni,a gennaio di quest'anno mi è stata riscontrata una forma di anemia,sulla quale han influito cicli mestruali molto abbondanti ripetutisi per mesi.Prendevo già degli integratori alimentari,e ho fatto cura con Ferrograd. Sono stata in terapia ormonale per quasi 7 anni per amenorrea e ovaio policistico,prima con pillola poi con cerotto transdermico Evra; sotto consiglio medico ho prima provato a non interrompere l'utilizzo del cerotto per evitare di mestruare, ma il risultato è stato un ciclo ancora più aggressivo,così ho deciso vista anche la presenza di noduli al seno sorti in concomitanza con l'inizio della terapia ormonale,di sospenderla.A circa un mese dalla sospensione il mio viso e poi il collo si è riempito di acne. Da precisare che non ne ho mai sofferto neanche in pubertà e ho una pelle molto delicata e tendente al secco. Prima è stato trattato con Gentalyn, poi tramite indagini sulla dieta, e non è scomparso. A gennaio all'ultima eco pelvica non c'era traccia di cisti. Durante la sospensione in questi 6 mesi ho avuto cicli molto più lunghi della norma (dai 32 ai 35 giorni), ma ho sempre mestruato senza spotting: le mestruazioni duravano 3-4 giorni ed erano normoabbondanti, per cui ho deciso di continuare in questa direzione. Venendo al dunque dopo quanto premesso, le ultime mestruazioni risalgono al 27 settembre.Da allora fino ad oggi, ho avuto solamente 2 rapporti sessuali, non completi, ma senza protezione.Per chiarire, c'è stata solo penetrazione durante i preliminari e non il classico coito interrotto all'eiaculazione.Essendo molto attenta pur avendo un ciclo irregolare ai sintomi ovulatori, non me ne sono preoccupata.I 2 rapporti sono stati il 17 ottobre ed il 1°novembre. Dopo una settimana di ritardo ho preso appuntamento con la mia ginecologa,il 9 novembre.Solo eco pelvica,non ritenendo necessaria una transvaginale (le ho precisato le date dei rapporti sessuali ed il resto).Individua utero in asse di volume,endometrio secretivo,mi dice che le mestruazioni dovrebbero arrivare a breve.Inoltre rileva microcisti e mi consiglia di riprendere al 1° giorno del ciclo, dispositivo a rilascio ormonale. In questo periodo ho avuto dolori alle ovaie e perdite bianche come se stessi ovulando una seconda volta, poi dopo alcuni giorni di secchezza(come di solito avverto prima del ciclo)il 14 novembre inizio ad avere delle perdite perlopiù marroncino chiaro, ed essendo molti anni che non mi capitava aspetto per capire di che entità siano(lievi).Penso che potrebbero essere perdite da impianto visto l'ultimo rapporto il 1°novembre,così al 16 novembre risento la ginecologa telefonicamente e mi dice di provar test di gravidanza,effettuato la sera stessa-negativo.Ieri non ho avuto alcuna perdita,sempre secchezza,e oggi una perdita più scura e abbondante.Possono essere coaguli di sangue"vecchio"e in caso pericolosi,o le cisti?Non ho altri sintomi di gravidanza.Un parere,grazie.
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Potrebbe trattarsi di una ovulazione che a volte si presenta con muco filante striato di sangue oppure con coaguli .
Al massimo ripeterà un dosaggio delle beta HCG per conferma e dovrebbe attendere serenamente il flusso mestruale.
Ci sono dati che riferiscono che nelle donne atlete spesso sono frequenti picchi di iperprolattinemia che cambiano il ritmo dell'ovulazione.
SALUTI
[#2] dopo  
Utente 246XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per la cortese risposta, effettivamente secondo gli esami del sangue fatti nel mese di settembre, il valore della prolattina era al di sopra dei valori normali di riferimento. Le perdite di sangue pur rimanendo di colore marroncino, sono aumentate il 18 e 19,e ne ho avute alcune più lievi ieri ed oggi: non lo definirei flusso mestruale, anzi la consistenza delle perdite sembrerebbe quella di un'ovulazione,variando ovviamente nel colore. Eventualmente attenderò domani o dopodomani per altro test di gravidanza, considerato che però delle perdite da impianto così estese nel tempo sarebbero anomale. E' necessario qualora dovessero proseguire le perdite un'ulteriore ecografia e/o analisi del sangue?
Grazie ancora per la sua utile consulenza
[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Al massimo un'altra ecografaia
[#4] dopo  
Utente 246XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio molto e di nuovo per la sua disponibilità. Cordiali saluti
Grazie!