Utente 379XXX
Buonasera Dottore!
Le scrivo per mia figlia , nata già con calcoli renali da cistina , ora trapiantata da quattro anni, dopo tre anni di dialisi peritoneale, in quest'ultimo periodo è soggetta a cistiti a distanza di 1 mese o addirittura dopo due settimane di cure con antibiotici del tipo Monuril o Cefixoral 400mg.
I medici dove è stata trapiantata insistono con questi antibiotici e noi, naturalmente, ci domandiamo ...perché non cambiare antibiotico?
L'infezione batterica è riferibile all'escherichia coli .
Grazie per l'attenzione e, in attesa di un Suo consiglio, Cordialmente La saluto

Stella una mamma in ansia

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Le infezioni urinarie da Coli nella femmina dipendono quasi esclusivamente da una alterazione della flora microbica intestinale, eventualmente associata a problemi funziinali (colite? stitichezza?). In linea di massima è più utile folcalizzare le attenzioni all'intestino, piuttosto che insistere con gli antibiotici che, a fronte di una risoluzione fugace dell'infezione, rischiano di indurre ulteriori problemi intestinali e pericolose resistenze batteriche. Vale molto il giudizio diretto di un nostro Collega di ampie vedute, in eventuale collaborazione con un gastroenterologo/nutrizionista.
[#2] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
Buonasera Dottore, la ringrazio per aver tempestivamente risposto alla mia domanda.
In riferimento a quanto scritto da Lei, vorrei dirLe che mia figlia pone molta attenzione al suo intestino.
La sua dieta si basa su : carne , solo una volta alla settimana,
pesce , molta frutta, minestroni e Psyllogel .
Sta molta attenta anche all'igiene intima.
Che altro fare ?
Ringrazio e cordialmente La saluto.
Stella
[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Se le infezioni sono come ci riferisce stabilmente supportate da Coli, le valutazioni dirette all'intestino sono comunque utili, poiché non è assolutamente necessario che il dismicrobismo sia legato a problemi funzionali. Anche le modalità dell'igiene intima sono talora d aconsiderare attentamente, poiché è noto che l'eccesso in frequenza e l'utilizzo di prodotti aggressivi o medicati posa eessere controproducente. Dal punto di vista streattamente urologico, nelle forme ad elevata frequenza di recidiva prima o poi si pongono quasi sempre le indicazioni ad una valutazione endoscopica (cistoscopia), indagine che nella femmina può essere eseguita molto facilmente e con minima invasività.
[#4] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
Grazie ancora Dottore.
Riferirò quanto prima il consiglio da Lei dato,
riguardo la cistoscopia.