Utente 363XXX
Gentile dottore,
vorrei potesse chiarirmi alcuni dubbi sulla pillola ed eventualmente il suo mancato assorbimento in correlazione all'evacuazione.
Assumo la pillola sibilla(ogni sera alle 21,30) e stasera assumerò l'ottava pillola.
Sono solita mangiare molto a base di verdure, quindi assumo molte fibre e martedì mi è capitato di evacuare alle 7 del mattino con feci molli, un altro po' intorno alle 10,30 con feci molli, ma trattasi di cosa di scarsa entità, poi ancora un altro po', sempre molto poco, intorno alle 13 e infine sempre poco alle 18 e alle 20, feci scarse e semi molli ribadisco. Mi sono chiesta se questi eventi di evacuazione verificatisi il martedi potrebbero interferire con il mancato assorbimento della pillola che ho preso il lunedi sera alle 21,30. Io non credo, in quanto in ogni caso gli eventi di evacuazione si sono verificati all'incirca 10 ore dopo l'assunzione della pillola. Il mercoledì ho evacuato tre volte, ma una volta la mattina e due volte il pomeriggio, trattasi sempre di evacuazioni semi molli e non di grossa entità e sempre a distanza di tempo dalla pillola.
Dottore la pillola, anzi, le pillole di martedì e mercoledì con questi eventi di evacuazione sono state assorbite? il loro effetto contraccettivo è stato mantenuto?
inoltre ho letto( e non so se sia vero, vorrei che mi desse conferma lei) che se si sbaglia nella prima settimana nell'assunzione della pillola(ad esempio nel mio caso, se l'avessi malassorbita)basta prendere precauzioni ulteriori per gli otto giorni successivi, ma dopo questi otto giorni si ristabilirebbe l'assoluta efficacia contraccettiva della pillola, è vero?
Spero possa darmi dei chiarimenti perchè sono molto meticolosa, si leggono svariate informazioni ed entro nel panico.

La ringrazio anticipatamente e aspetto al più presto una sua risposta, grazie mille.
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Chiariamo un concetto importante il problema si pone quando si parla di diarrea Che si intende l'eliminazione di feci liquide (sottolineo liquide) con riperute scariche.
Quindi le feci non formate e le evacuazioni ripetute non vanno prese in considerazione.
Per chi ha questi problemi può superare il problema con cerotto e anellò vaginale
Saluti
[#2] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
Gentile dottore, la ringrazio per la sua celere risposta, mi scusi non ho ben capito una cosa: il cerotto e l'anello vaginale lo consiglia a chi abbia evacuazioni frequenti o per chi soffre di eventi diarroici(quindi evacuazione liquida come ha detto lei?)
inoltre, un'altra domanda, sarebbe vera l'informazione che ho letto: se si sbagliasse a prendere la pillola nella prima settimana è necessario prendere precauzioni ulteriori per gli otto giorni successivi e che dopo gli otto giorni si ristabilirebbe l'efficacia contraccettiva?
Grazie mille dottore, se potesse darmi anche qui dei chiarimenti gliene sarei grata.

Saluti
[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Per le utenti in generale che hanno problemi intestinali, il cerotto e l'anello vaginale sono la soluzione ideale perché saltano l'assorbimento intestinale.
Si, la prima settimana è quella a più alto rischio perché potrebbe ripartire (ipoteticamente) l'ovulazione.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
Dottore, però nel mio caso visto che le evacuazioni sono state a distanza di ore dall'assunzione della pillola e non si è trattato di feci"liquide", anche se sono state ripetute ma di scarsa entità, ma soprattutto non sono state liquide, credo non corra alcun rischio, giusto?
mi dica se ho capito bene, non credo che chi abbia eventi di evacuazioni frequenti durante l'arco della giornata e a distanza di tempo dalla pillola corra pericolo, giusto?
grazie mille ancora della disponibiità!

Saluti