Utente 403XXX
Gentili dottori,

vi contatto in merito ad alcune perplessità. Dopo un rapporto completo del tutto protetto, è avvenuta diverse ore dopo (circa sette) una penetrazione pene-vagina di pochi secondi e poco profonda. Non erano presenti residui di liquido seminale visibili, ma non era stato effettuato alcun lavaggio con acqua e detergente. Il resto del rapporto è avvenuto in modo protetto. L'anticoncezionale in uso in entrambi i rapporti è il profilattico.

Per scrupolo, si è scelto di rivolgersi alla struttura ospedaliera, dove è stata vivamente consigliata la somministrazione della pillola del giorno dopo per evitare gravidanze indesiderate. La motivazione principale consiste nel fatto che la donna si trova in ovulazione. Ora, secondo le mie conoscenze, la possibilità che sia avvenuto in tal modo un concepimento è estremamente bassa, tanto dal rimanere perplesso di fronte al consiglio da parte del medico. La somministrazione del farmaco avverrà in ogni caso, ma mi domando se le mie perplessità sono giustificate e se il consiglio sia dettato da un eccesso di zelo.

Vi ringrazio per l'attenzione.
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sono d'accordo con lei , si tratta in effetti di un eccesso di zelo .
Se desiderate il massimo della sicurezza , trovandosi in periodo ovulatorio, si può procedere all'assunzione della contraccezione di emergenza.
E' difficile stabilire la presenza degli spermatozoi in quel liquido presente all'orifizio uretrale del pene.
SALUTI