Utente 104XXX
Salve mia madre ha 49 anni, e talvolta durante la giornata incomincia a starnutire a più non posso, e ciò continua per parecchi minuti accompagnata da una forte lacrimazione, ha fatto i test antiallergici ma non si capisce da cosa possa dipendere. L'unico modo fino ad ora è il cortisone, con quello riesce a stare un po di tempo tranquilla. Cosa puo' fare a questo punto?
Ps ciò accade durante tutto il periodo dell'anno

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Spesso nelle forme allergiche, se si eseguono i normali test, vengono negativi, anche perchè il problema sussiste non nelle "allergie", ma in un cambiamento di risposta del sistema immunitario, la bilancia dei linfociti Th1-Th2, si sposta verso i Th2, allergia. Inolre una reazione allergica a 49 anni, sicuramente può derivare anche da una intossicazione della matrice extracellulare. La medicina biologica offre molti farmaci interessanti, inoltre con la medicina quantica si riesce a rilevare la causa del problema.
Saluti moschinialberto@medicitalia.it
[#2] dopo  
Dr. Marcello Stante
28% attività
0% attualità
12% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
caro amico;
per verificare la presenza di allergie - in base alla sintomatologia da lei riporatat - si dovrebbero eseguire i Prick test (test delle punturine sull'avambraccio) e i test ematici per la ricerca di IgE generiche e specifiche (RIST e RAST). da tali test quasi sempre si evince la causa di quella che sembra una banale allergia che, lontano dai test sopraricordati, può essere utilmente prevenuta prima dell'inizio dei sintomi con opportuni antistaminici. no esageri con il cortisone che viene correttamente somministrato soltanto in casi estremi per i numerosi effetti collaterali.
saluti
[#3] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2006
Grazie ad entrambi per le rapide risposte, cercherò di essere un po più specifico sulla base della diagnostica allergologica.
PRICK TEST CUTANEO S-IGE TOTALI 26,9 kU/L
PHADIATOP (screen.Ige Inal.) Negativo
Sono poi state fatte delle Ige specifiche in base a questi elementi:
LANCIUOLA (w9) <0,35
ALTERNARIA ALTERNATA (M6) <0,35
FARINA DI GRANO (f4) <0,35
SEGALE (f5) <0,35
ORZO (f6) <0,35
AVENA (f7) <0,35
SEMI DI SOIA (f14) <0,35
POMODORO (f25) <0,35
LIEVITO (f45) <0,35

Ora non so se sono assenti dei test che dovrebbe ancora fare oppure ormai abbiamo provato tutto?

Vi ringrazio ancora per disponibilità e dedizione al vostro lavoro.
[#4] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Come ho detto precedentemente, le reazioni allergiche derivano da uno sbilamciamento dei linfociti Th1 e Th2, verso i Th2, inoltre se la metrice extracellulare è piena di tossine, il sistema immunitario risponde con una reazione allergica, come è ampiamento descritto in letteratura, per cui lei può cercare tutti gli allergeni che vuole, ma se il problema sta da un'altra parte, gli esami verranno o negativi o positivi a molteplici allergeni, e lei non risolverà mai il problema e sarà costretto ad assumere costantemente antistaminici e cortione che agiscono solo ed esclusivamente sul sintomo, ma non sulla causa del sintomo, pertanto bisogna eseguire esami più approfonditi per indagare il sistema immunitario e l'origine del problema. Di solito risiede in un processo infiammatorio cronico, in cui la produzione eccessiva dell'interleuchina 4, ha portato la bilancia verso una risposta Th2.
Questo è quello che viene descritto in letteratura.
L'applicazione pratica è eseguire una terapia che si rivolga all'origine della patologia e non sul sintomo e basta. La medicina biologica ha molti esami specifici per individuare la causa ed instaurare una terapia adeguata.
Saluti moschinialberto@medicitalia.it
[#5] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
Mi associo a quanto precisatoLe dal Collega Moschini. Suggerirei di assumere:
* TRANSFACTOR 22 GUNA - 1 CAPSULA AL DI' PER 5 GIORNI LA SETTIMANA.
Saluti.