Utente 315XXX
Buongiorno, ho 39 anni volevo esporre il mio problema di incurvamento del pene.
Il mio pene presenta una decisa incurvatura a sinistra. La cosa a livello estetico mi ha sempre molto infastidito e il disagio è aumentato in quanto soffro anche di disfunzione erettile e proprio a causa di questo il medico tempo fa mi ha prescritto il levitra.
Per la verità sono abbastanza preoccupato in quanto ho notato che il pene da qualche tempo tende a una forte deviazione a sinistra anche a riposto.
Mi chiedevo l'utlizzo di farmaci come levitra o viagra possono danneggiare un pene che presenta incurvamenti( l'ho letto su dei siti )?.
Soprattutto la mia domanda è se con il passare del tempo un'incurvamento del pene potrebbe peggiorare cioè aumentare l'incurvamento?
Dico questo perchè ho sentito parlare delle malattia di Malattia di Peyronie che cmq non dovrebbe essere il mio caso in quanto ho letto che con questa malattia contestualmente sorge anche dolore.
Preciso che sono già stato per anni sotto la cura di un medico andrologo che però dopo anche una psicoterapia senza successo è dovuto ricorrere ai farmaci.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Gle utente
il suo incurvamento è presente da sempre? Perché deve utilizzare il levitra a 39 anni? Qual è la causa diagnosticata di disfunzione erettile? Perché ha questa curvatura? Queste sono questioni a cui deve rispondere col suo andrologo. Se la deviazione impedisce i rapporti sessuali e crea un disagio estetico, la vera soluzione alla sua eta è un raddrizzamento mediante corporoplastica. Naturalmente questo dopo aver ben inquadrato il problema della disfunzione erettile. Mi faccia sapere. Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 315XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per la risposta,
sa per la verità fino a 26 anni non ho avuto rapporti perchè ero in forte sovrappeso e soffrivo di una forma depressiva. Poi ho avuto un'intervento per la fimosi ma non andò molto bene e riportai complicanze perchè incisero un vaso sanguigno durante l'operazione e dovetti subire altri 3 interventi. Quando ho inziato ad avere rapporti ho sempre sofferto di impotenza prima leggera poi accentuata . Sono stato in cura da un andrologo a cui ho descritto la situazione. Così ho fatto un esame vascolare da quale non sono emerse anomalie.
Solo che a parte l'utilizzo di questi farmaci che trovo molto invasivi e assuefanti sono preoccupato da questa curvatura .
E di nuovo Le chiedo se è possibile che con il tempo possa peggiorare o resta sempre uguale ( a patto che non sorga la malattia di Peyronie).
Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
G.le utente
Bisognerebbe comprendere la natura di questa curvatura. Se tale curvatura è oramai stabile da anni, non penso possa peggiorare. Mi faccia sapere se ha altre questioni da porre. Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 315XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per la risposta,
quindi Lei mi conferma che l'assunzione di farmaci tipo levitra non causano un danneggiamento vascolare o di qualsiasi altra natura su di un pene che già presenta una curvatura.
Quindi se la curvatura è stabile non peggiora?
Ad ogni modo anche se peggiorasse mai più si sottoporrei ad un'intervento chirurgico la pene dopo quello che ho passato nel precedente intervento.
Beh veramente una domanda ci sarebbe . Come Le dicevo soffro di disfunzione erettile ormai cronica che mi ha tra le altre cose mandato in rovina diversi rapporti anche quando ero sotto cura dell'andrologo. In effetti il levitra aiuta nei rapporti quando si può anche programmare e utilizzare non quotidianamente ma un rapporto di coppia stabile dove il coito non può certo programmarsi e il farmaco non può assere assunto ogni giorno emergono i limiti anche del farmaco. Quindi Le volevo chiedere a parte la psicoterapia che ho provato per ben 2 volte senza apprezzabili risultati ci sono altri rimedi anche naturali per aiutare l'erezione anche se non in maniera robusta come il farmaco ma che almeno può essere soddisfacente nel quotidiano.
Spero di essermi spiegato adeguatamente.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Che cause sono state attribuite alla sua disfunzione erettile? Sarebbe necessario capire se ci sono cause organiche. A presto
[#6] dopo  
Utente 315XXX

Iscritto dal 2013
Buona serata Dott. Bottai,
In realtà ho fatto l'ecodoppler l'esame vascolare e sembra che da quell'esame non sono emerse anomalie. per natura organica Lei cosa intende?
In realtà mi è stato detto che che il problema è di natura psicologica e infatti mi sono sottoposto a a una terapia anche lunga ma senza risultati e infatti l'unica soluzione sono stati i farmaci che però non sono assolutamente risolutivi soprattutto come Le dicevo sopra se il rapporto non si può programmare come in un normale rapporto di coppia.
Per la verità ho provato la damiana e non so se per un effetto placebo ma per un breve periodo ha funzionato poi il medico mi ha detto di non prenderla e allora ho ricorso al levitra.
Cordiali saluti

[#7] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Intendevo sapere se vi era una diagnosi alla sua disfunzione erettile che fossero organiche cioè causate da qualche patologia o causa non psicologica. Da questa postazione non posso analizzare bene la situazione ma le consiglio di affidarsi a medici andrologi della sua zona magari chiedendo altri pareri. Comunque la curvatura non peggiora col tempo se oramai è stabile a tempo. Mi faccia sapere se ci sono novità. Cordiali saluti
[#8] dopo  
Utente 315XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per la risposta Dott. Bottai
Volevo inoltre chiederLe visto che utilizzo farmaci che contrastano la disfunzione erettile.
Cercavo un farmaco che desse meno effetti collaterali possibili e soprattutto provare a ripartire con la formulazione più bassa.
Ho letto di spedra potrei assumere la dose da 50 mg è molto veloce nell'azione ma rispetto agli effetti collaterali soprattutto in relazione alla visione è più tollerabile rispetto a cialis e levitra?
Inoltre ho un forte dubbio da sempre . Non capisco come mai esista il cialis da 5mg che viene indicato solo nell'indicazione once day e se funziona allo stesso modo del livitra da 5 mg che invece non viene consigliato nell'uso quotidiano oppure è meno efficace se usato occasionalmente( mi riferisco sempre al cialis da 5mg)?
In definitiva in relazione al rapporto tra effetto e dosaggio quale è il migliore tra spedra da 50 , levitra da 5 mg o cialis da 5mg?
Cordiali saluti