Utente 304XXX
Buonasera. Dopo un primo intervento di quadrantectomia a 37 anni nel 2006 ed un secondo intervento per alcune calcificazioni nel 2013 a 44 anni (sono passati 3 anni) mi trovo ad avere il seno dx ridotto per cui vorrei procedere nel lipofilling. Il chirurgo mi ha accennato al rischio di recidiva, che potrebbe esserci nel disturbare qualche cellula cancerosa dormiente, per cui mi ha parlato di una eventuale risonanza magnetica con contrasto in fase di accertamenti pre-operatori (fissati tra 20 giorni).. Mi chiedo quindi se la risonanza magnetica sia in grado si escludere tale presenza. Dovendo anche fare la mammografia di routine nello stesso periodo vorrei sapere se posso evitarla qualora sia già prevista la risonanza. Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Passerei direttamente alla Risonanza Magnetica Mammaria CON mezzo di contrasto sia come follow-up che come esame preoperatorio.

Legga
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/quando_perche_fare_RMM.htm

Tanti saluti
Salvo Catania