Utente 354XXX
Buonasera gentili dottori,
dalla sera del 24 accuso una serie di sintomi all'addome, inizialmente sentivo dei crampi all'altezza dello stomaco sia a dx che a sia sx che fortunatamente mi passano, ma rimane il fastidio a dx, da allora sento un fastidio tra l'inguine e il pube, essendo ipocondriaca ho subito pensato ad un attacco di appendicite, anche perché avevo la nausea, ho chiamato il medico curante dove mi ha prescritto di fare un eco addominale inferiore e un emocromo per scongiurare un sospetto di appendice, ho eseguito gli esami le analisi del sangue sono risultate buone senza nessuna anomalia, dall'eco si evince solo un colon irritabile con aerofagia e scarsa evacuazione l'appendice risulta normale.
Torno a casa ma i fastidi persistono premetto che fra meno di 5 giorni mi devono arrivare le rosse, escludendo all'appendice ho pensato all'ovaia, che dalla eco fatta ieri risulta apposto, ho effettuato la visita ginecologica a gennaio di quest'anno con annessa transvaginale e pap test negativo, l'unica cosa risulta un piccolo fibroma uterino di 3mm da tenere sotto controllo ma per ora detto dal medico non desta nessuna preoccupazione.
Ho veramente molta paura infatti vivo nell'angoscia, ho paura che possa essere qualcosa di grave...La mia testa viaggia e pensa alle cose più brutte.
Cosa mi consigliate di fare se non passa il fastidio? Accuso un fastidio come se tirasse una specie di flogosi, un calore quasi costante.
Per favore datemi un parere perché vivo nell'angoscia e non so' davvero cosa pensare.
Grazie,
cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA
i sintomi riferiti potrebbero essere inquadrati effettivamente in una sindrome da colon irritabile.
Consideri tuttavia che la regione anatomica indicata potrebbe essere sede di irradiazione di disturbi di diversa origine (urinaria, muscoloscheletrica, erniaria, intestinale, ecc.).
Una valutazione clinica accurata potrebbe vagliare ulteriori possibilità oltre quelle già esplorate.
[#2] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Grazie per la sua tempestiva risposta,
inoltre la sera maggiormente il fastidio diventa più acuta inoltre si irradia anche sulla gamba, potrei escludere l'appendicite con eco e analisi del sangue fatta ieri?
Sono così spaventata.
Cordialmente
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
La diagnosi di appendicite non è sempre così semplice e immediata come si crede e anche gli esami strumentali ed ematochimici non sempre indirizzano con certezza, per cui la valutazione dei sintomi e un esame clinico (visita) confortato da opportune manovre e sufficiente esperienza resta indispensabile.
Le ripeto che tuttavia altre possibilità diagnostiche potrebbero essere considerate.