Utente 414XXX
Buongiorno,
sono una ragazza di 25 anni e vorrei chiedere un consiglio a voi specialisti di ginecologia.
Tutto è iniziato quando ho voluto avere il primo rapporto, ma questo non è andato come speravo, in quanto ho avvertito dolori fortissimi.
Dopo un pò di prove vedendo che il dolore era sempre lo stesso, ho fatto la visita ginecologica. La dottoressa mi ha diagnosticato la vulvodinia, per questo mi ha fatto prendere Pelvilen per 6 mesi e mi ha fatto utilizzare un'altro medicinale da apporre localmente per alleviare il dolore.
Dopo 6 mesi il dolore è andato un pò via ma non potevo avere ancora rapporti (ho persino dolore con un dito) per questo ho iniziato a fare riabilitazione del pavimento pelvico con alcune sedute di tens, che tutt'oggi mi sta trattando (una volta a settimana da circa 5 mesi), ed inoltre nell'ultimo periodo prendo anche LYRICA da 75 mg una volta al giorno da circa 2 mesi.
Il dolore si è alleviato molto ma ci sono ancora dei punti atroci che riesco a toccare con un dito e sentire forte dolore.
Adesso vi chiedo devo continuare questa terapia perchè secondo me nell'ultimo periodo non sta dando grandi risultati oppure mi conviene rivolgere da qualche altra parte per far passare questi ultimi dolori (da come mi ha detto la fisioterapista sono nervi contratti di cui ad uno potrei avere dolore cronico)? Inoltre secondo voi faccio bene a continuare a prendere LYRICA nonostante non veda più miglioramenti?
Vi ringrazio anticipatamente dei vostri preziosi consigli.
[#1] dopo  
Dr.ssa Daniela Pelotti
24% attività
4% attualità
8% socialità
ABBADIA CERRETO (MI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Tutti i problemi uroginecologici dipendono da un colon irritabile per cui se non togli la causa avrai sempre dolore e nessun rimedio con le terapie! La sindrome del colon irritabile è una infiammazione dell'intestino causata da una celiachia non diagnosticata o gluten sensitivity. Il glutine causa disbiosi intestinale e aumentata permeabilità intestinale. Batteri e sostanze proinfiammatorie escono dall'intestino perforato e invadono gli organi pelvici causando infiammazione all'utero alle ovaia e alla vagina oltre che Coinvolgere la vescica. La vaginosi batteria e da candida che ne consegue comporta la vulvodinia che riferisci! Provvedi!
[#2] dopo  
Utente 414XXX

Iscritto dal 2016
Grazie della risposta, però ho già eseguito diversi controlli e non mi è stato mai diagnosticato tutto ciò. Infatti facendo la riabilitazione del pavimento pelvico il dolore è migliorato tantissimo, l'unico problema è solo un qualche altro dolore che rimane ancora abbastanza forte, causa del fatto che sto assumendo il medicinale Lyrica per farlo scomparire. Quindi come ho già chiesto non so se continuare in questo modo piuttosto che un altro.